ELN 2018
Janssen Oncology
Roche
Ematobase.it

Acalabrutinib nel linfoma a cellule del mantello recidivato o refrattario: studio ACE-LY-004


La tirosina chinasi di Bruton è un obiettivo clinicamente valido nel linfoma a cellule del mantello.
Acalabrutinib ( Calquence ) è un inibitore della tirosin-chinasi di Bruton altamente selettivo e potente, sviluppato per minimizzare l'attività fuori-bersaglio.

Nello studio in aperto di fase 2 ACE-LY-004, Acalabrutinib orale ( 100 mg due volte al giorno ) è stato somministrato a pazienti con linfoma a cellule del mantello recidivante o refrattario, fino a progressione della malattia o a tossicità inaccettabile.

L'endpoint primario era la risposta complessiva valutata secondo la classificazione di Lugano; le analisi di sicurezza sono state eseguite in tutti i partecipanti.

Dal 2015 al 2016 sono stati arruolati 124 pazienti con linfoma a cellule del mantello recidivato o refrattario, e tutti i pazienti hanno ricevuto un trattamento.
L’età media era di 68 anni.
I pazienti avevano ricevuto una mediana di due terapie precedenti.

A un follow-up mediano di 15.2 mesi, 100 pazienti ( 81% ) hanno ottenuto una risposta globale e 49 pazienti ( 40% ) hanno ottenuto una risposta completa.

Le mediane di Kaplan-Meier stimate per durata della risposta, sopravvivenza libera da progressione e sopravvivenza globale non sono state raggiunte; i tassi a 12 mesi sono stati, rispettivamente, pari a 72%, 67% e 87%.

Gli eventi avversi più comuni sono stati principalmente di grado 1 o 2 e sono stati mal di testa ( 47, 38% ), diarrea ( 38, 31% ), affaticamento ( 34, 27% ) e mialgia ( 26, 21% ).

Gli eventi avversi più comuni di grado 3 o superiore sono stati neutropenia ( 13, 10% ), anemia ( 11, 9% ), e polmonite ( 6, 5% ).
Non ci sono stati casi di fibrillazione atriale e un caso di emorragia di grado 3 o superiore.
La durata mediana del trattamento è stata di 13.8 mesi.
Il trattamento è stato interrotto in 54 pazienti ( 44% ), principalmente a causa di malattia progressiva ( 39, 31% ) ed eventi avversi ( 7, 6% ).

Il trattamento con Acalabrutinib ha fornito un alto tasso di risposte durature e un profilo di sicurezza favorevole in pazienti con linfoma a cellule del mantello recidivato o refrattario.
Questi risultati suggeriscono un ruolo importante per Acalabrutinib nel trattamento di questa patologia. ( Xagena2018 )

Wang M et al, Lancet 2018; 391: 659-667

Emo2018 Onco2018 Farma2018


Indietro