ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

La combinazione di Venetoclax e Rituximab migliora la sopravvivenza libera da progressione nella leucemia linfatica cronica refrattaria


La combinazione di Venetoclax ( Venclyxto ) più Rituximab ( MabThera ) ha migliorato la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) a 2 anni dopo il trattamento, rispetto a Bendamustina ( Levact ) più Rituximab tra i pazienti con leucemia linfatica cronica recidivante o refrattaria.

Il tasso di clearance della malattia minima residua nel gruppo Venetoclax - Rituximab può indicare un miglioramento del controllo della malattia a lungo termine anche quando la terapia viene interrotta.

Venetoclax, un inibitore selettivo di BCL-2 per os, ha dimostrato una forte attività clinica come monoterapia, anche tra i pazienti con fattori prognostici sfavorevoli.

Un precedente studio di fase 1 ha mostrato sicurezza e promettente efficacia dall'aggiunta di Rituximab a Venetoclax.
Lo studio aveva mostrato miglioramento dei tassi di remissione completa, con remissioni di alta qualità e nessuna leucemia rilevabile.

Sulla base di questi risultati, è stata confrontata questa combinazione con l'associazione Rituximab e Bendamustina.
L'analisi ha incluso 389 pazienti che avevano ricevuto da una a tre precedenti terapie, incluso almeno un trattamento chemioterapico.

I pazientI sono stati assegnati casualmente in un rapporto 1: 1 a Rituximab più Venetoclax ( n=194; età media, 64.5 anni ) o Rituximab più Bendamustina ( n=195; età media, 66 anni ).
Il trattamento è continuato per sei cicli di 28 giorni.

I pazienti a cui è stato somministrato Venetoclax sono stati sottoposti a un programma di 5 settimane di aumento graduale della dose da 20 mg a 400 mg al giorno.

Dopo il periodo di accelerazione della dose, la somministrazione giornaliera di Venetoclax è continuata a 400 mg al giorno per 2 anni, o fino a progressione della malattia o a tossicità inaccettabile.
Rituximab è stato somministrato alla dose di 375 mg/m2 al giorno 1 del primo ciclo, seguito da 500 mg/m2 il giorno 1 dei cicli dal 2 al 6.
I pazienti assegnati all'altro regime hanno ricevuto Bendamustina 70 mg/m2 per via endovenosa nei giorni 1 e 2 di ciascun ciclo di 28 giorni, più Rituximab nello stesso schema di dosaggio.

La sopravvivenza senza progressione ( PFS ), valutata dallo sperimentatore, è servita come endpoint primario.
Gli endpoint secondari includevano la sopravvivenza senza progressione valutata da un Comitato di revisione indipendente, la sopravvivenza libera da progressione tra i pazienti con delezione del cromosoma 17p, la migliore risposta generale, la sopravvivenza globale ( OS ), la sopravvivenza senza eventi ( EFS ), la durata della risposta, il tempo al successivo trattamento anti-leucemico, e raggiungimento della negatività della malattia minima residua.

Il follow-up mediano è stato di 23.8 mesi ( range 0-37.4 ).

Al cut-off dei dati, nel maggio 2017, 78 pazienti nel gruppo Venetoclax erano rimasti in monoterapia con Venetoclax e 154 pazienti nel gruppo Bendamustina hanno completato tutti e sei i cicli di terapia.

La sopravvivenza mediana libera da progressione non è stata raggiunta nel gruppo Venetoclax ed è stata di 17 mesi nel gruppo Bendamustina.
La PFS a due anni valutata dagli sperimentatori è stata dell'84.9% nel gruppo Venetoclax e del 36.3% nel gruppo Bendamustina ( hazard ratio, HR per progressione o morte = 0.17, IC 95%, 0.11-0.25 ).

I risultati erano coerenti in tutti i sottogruppi clinici e biologici, compresi quelli con delezione 17p ( HR=0.13, IC 95%, 0.05-0.29 ) e senza delezione 17p ( HR = 0.19, IC 95%, 0.12-0.32 ).

Il tasso di risposta globale ( ORR ) valutato dal Comitato di revisione indipendente è stato del 92.3% nel gruppo Venetoclax e del 72.3% nel gruppo Bendamustina ( differenza: 20%, IC 95%, 12.4-27.6 ).
Inoltre, il 26.8% dei pazienti trattati con Venetoclax ha ottenuto una risposta completa rispetto all'8.2% dei pazienti trattati con Bendamustina.

L'ORR valutato dagli sperimentatori è stato pari al 93.3% nel gruppo Venetoclax e del 67.7% nel gruppo Bendamustina.

Una percentuale più elevata di pazienti trattati con Venetoclax ha ottenuto una sopravvivenza globale a 2 anni ( 91.9% vs 86.6%, HR = 0.48, IC 95%, 0.25-0.9 ).

Non si sono verificati nuovi eventi avversi inattesi. La neutropenia è stata l'evento avverso di grado 3 o 4 più comune ( 60.8% nel gruppo Venetoclax rispetto al 44.1% nel gruppo Bendamustina ).
Tuttavia, le infezioni nel gruppo Venetoclax e Rituximab non erano comuni. ( Xagena2018 )

Fonte: The New England Journal of Medicine, 2018

Emo2018 Farma2018


Indietro