ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

La combinazione Ibrutinib e Rituximab oppure la chemioimmunoterapia per la leucemia linfocitica cronica


I dati relativi all'efficacia del trattamento con la combinazione Ibrutinib ( Imbruvica ) e Rituximab ( MabThera ), rispetto alla chemioimmunoterapia standard con Fludarabina, Ciclofosfamide e Rituximab, in pazienti con leucemia linfocitica cronica ( leucemia linfatica cronica; CLL ) non-trattata in precedenza, sono limitati.

In uno studio di fase 3, sono stati assegnati in modo casuale pazienti di età pari o inferiore a 70 anni con leucemia linfocitica cronica precedentemente non-trattata a ricevere Ibrutinib e Rituximab per 6 cicli ( dopo un singolo ciclo di Ibrutinib da solo ), seguito da Ibrutinib fino a progressione della malattia, o 6 cicli di chemioimmunoterapia con Fludarabina, Ciclofosfamide e Rituximab.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione, mentre la sopravvivenza globale era un endpoint secondario.

In totale 529 pazienti sono stati sottoposti a randomizzazione ( 354 pazienti nel gruppo Ibrutinib-Rituximab e 175 nel gruppo chemioimmunoterapia ).

A un follow-up mediano di 33.6 mesi, i risultati dell'analisi della sopravvivenza libera da progressione hanno favorito la combinazione Ibrutinib e Rituximab rispetto alla chemioimmunoterapia ( 89.4% vs 72.9% a 3 anni; hazard ratio per progressione o morte, HR=0.35; P minore di 0.001 ) e i risultati hanno raggiunto la soglia di efficacia definita dal protocollo per l'analisi intermedia.

Anche i risultati dell'analisi di sopravvivenza globale hanno favorito la combinazione Ibrutinib e Rituximab rispetto alla chemioimmunoterapia ( 98.8% vs. 91.5% a 3 anni; hazard ratio per morte, HR=0.17; P minore di 0.001 ).

Nell'analisi di un sottogruppo che coinvolgeva pazienti senza mutazione della regione variabile della immunoglobulina a catena pesante ( IGHV ), Ibrutinib-Rituximab ha determinato una migliore sopravvivenza libera da progressione rispetto alla chemioimmunoterapia ( 90.7% vs 62.5% a 3 anni; hazard ratio per progressione o morte, HR=0.26 ).

La sopravvivenza libera da progressione a 3 anni tra i pazienti con mutazione nella regione variabile del gene delle catene pesanti delle immunoglobuline era dell'87.7% nel gruppo Ibrutinib-Rituximab e dell'88.0% nel gruppo chemioimmunoterapia ( hazard ratio per progressione o morte, HR=0.44 ).

L'incidenza di eventi avversi di grado 3 o superiore ( indipendentemente dall'attribuzione ) è stata simile nei due gruppi ( 282 pazienti su 352, 80.1%, che hanno ricevuto Ibrutinib-Rituximab e in 126 su 158, 79.7%, che hanno ricevuto chemioimmunoterapia ), mentre le complicanze infettive di grado 3 o superiore sono state meno comuni con Ibrutinib-Rituximab rispetto alla chemioimmunoterapia ( 37 pazienti, 10.5%, vs 32, 20.3%, P minore di 0.001 ).

Il regime Ibrutinib e Rituximab ha determinato una sopravvivenza libera da progressione e una sopravvivenza globale superiori a quelle con un regime di chemioimmunoterapia standard tra i pazienti di età pari o inferiore a 70 anni con leucemia linfocitica cronica non-trattata in precedenza. ( Xagena2019 )

Shanafelt TD et al, N Engl J Med 2019; 381: 432-443

Emo2019 Onco2019 Farma2019


Indietro