ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

La durata fissa di Venetoclax - Rituximab nella leucemia linfatica cronica recidivata / refrattaria eradica la malattia minima residua e prolunga la sopravvivenza: studio MURANO


Lo studio MURANO ha dimostrato un significativo beneficio in termini di sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) per la combinazione Venetoclax ( Venclyxto ) e Rituximab ( MabThera ) a durata fissa rispetto alla combinazione Bendamustina ( Levact ) e Rituximab nella leucemia linfatica cronica recidivante / refrattaria.

Con tutti i pazienti off trattamento, è stata riportata la cinetica di malattia minima residua ( MRD ) e gli esiti aggiornati.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a 2 anni di Venetoclax più Rituximab durante i primi 6 cicli o a 6 cicli di Bendamustina-Rituximab.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione. La sicurezza e lo status di MRD del sangue periferico al ciclo 4, da 2 a 3 mesi dopo la fine della terapia di associazione ( EOCT ) e ogni 3 o 6 mesi successivi erano endpoint secondari.

Su 194 pazienti, 174 ( 90% ) hanno completato la fase Venetoclax-Rituximab e 130 ( 67% ) hanno completato 2 anni di Venetoclax.

Con un follow-up mediano di 36 mesi, la sopravvivenza senza progressione e la sopravvivenza globale sono rimaste superiori rispetto a Bendamustina-Rituximab ( hazard ratio, HR=0.16 e HR=0.50, rispettivamente ).

I pazienti che hanno ricevuto Venetoclax-Rituximab hanno raggiunto un più alto tasso di MRD inosservabile nel sangue periferico ( uMRD; inferiore a 10-4 ) al termine della terapia di combinazione ( 62% vs 13% ) con superiorità sostenuta al mese 24 ( fine della terapia ).

Nel complesso, lo stato di malattia minima residua non-rilevabile al termine della terapia di combinazione ha previsto una sopravvivenza libera da progressione più lunga.
Tra i pazienti quelli con malattia minima residua rilevabile, malattia minima residua di basso livello ( da 10-4 a meno di 10-2 ) ha predetto una sopravvivenza libera da progressione migliorata rispetto a malattia di alto livello ( 10-2 o maggiore ).

A una mediana di 9.9 mesi ( intervallo compreso tra 1.4 e 22.5 mesi ) dopo aver completato il trattamento con Venetoclax e Rituximab a durata fissa, solo il 12% dei pazienti ( 16 su 130 ) ha sviluppato progressione della malattia ( 11 MRD di alto livello, 3 MRD di basso livello ).

Alla fine della terapia, il 70% e il 98% dei pazienti con malattia minima residua non-rilevabile sono rimasti, rispettivamente, con malattia minima residua non-rilevabile e senza progressione della malattia.

In tutti i pazienti che hanno terminato il trattamento, è stato osservato un beneficio continuativo per la combinazione Venetoclax e Rituximab rispetto a Bendamustina - Rituximab.
I tassi di malattia minima residua sono risultati duraturi e hanno previsto una più lunga sopravvivenza libera da progressione, il che determina l'impatto della malattia minima residua nel sangue periferico sul beneficio di un trattamento a durata fissa con Venetoclax.
Una bassa conversione a malattia minima residua rilevabile e una sopravvivenza senza progressione sostenuta dopo il completamento di 2 anni di Venetoclax-Rituximab ha dimostratp la fattibilità di questo regime. ( Xagena2019 )

Kater AP et al, J Clin Oncol 2019 37: 269-277

Onco2019 Emo2019 Farma2019


Indietro