ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Remissioni durevoli con Ivosidenib nella leucemia mieloide acuta IDH1-mutata recidivata o refrattaria


Le mutazioni nel gene che codifica isocitrato deidrogenasi 1 ( IDH1 ) si verificano nel 6-10% dei pazienti con leucemia mieloide acuta ( AML ).
Ivosidenib ( Tibsovo ) è un inibitore orale di IDH1-mutante.

È stato condotto uno studio di fase 1 di aumento della dose e di espansione della dose con Ivosidenib in monoterapia nella leucemia mieloide acuta mutata nel gene IDH1.
La sicurezza e l'efficacia sono state valutate in tutti i pazienti trattati.

La popolazione primaria di efficacia comprendeva pazienti con leucemia mieloide acuta recidivante o refrattaria che ricevevano 500 mg di Ivosidenib al giorno con almeno 6 mesi di follow-up.

Complessivamente, 258 pazienti hanno ricevuto Ivosidenib e hanno valutato gli esiti di sicurezza.
Tra i pazienti con leucemia mieloide acuta recidivata o refrattaria ( 179 pazienti ), eventi avversi di grado 3 o superiore correlati al trattamento che si sono verificati in almeno 3 pazienti sono stati prolungamento dell'intervallo QT ( nel 7.8% dei pazienti ), sindrome da differenziazione IDH ( nel 3.9% ), anemia ( 2.2% ), trombocitopenia o diminuzione della conta piastrinica ( 3.4% ) e leucocitosi ( 1.7% ).

Nella popolazione di efficacia primaria ( n=125 ), il tasso di remissione completa o di remissione completa con recupero ematologico parziale è stato del 30.4%, il tasso di remissione completa è stato del 21.6% e il tasso di risposta globale è stato del 41.6%.
Le durate medie di queste risposte sono state, rispettivamente, di 8.2 mesi, 9.3 mesi e 6.5 mesi.

L'indipendenza trasfusionale è stata raggiunta in 29 pazienti su 84 ( 35% ), e i pazienti che hanno presentato una risposta hanno avuto meno infezioni e episodi di neutropenia febbrile rispetto a quelli che non hanno avuto risposta.

Tra i 34 pazienti che hanno avuto una remissione completa o una remissione completa con recupero ematologico parziale, 7 ( 21% ) non avevano mutazioni IDH1 residue rilevabili al saggio della reazione a catena della polimerasi.
Nessuna pre-esistente mutazione del gene singolo ha previsto la risposta clinica o la resistenza al trattamento.

In conclusione, nei pazienti con leucemia mieloide acuta, IDH1-mutata, recidivata o refrattaria, in fase avanzata, Ivosidenib alla dose di 500 mg al giorno è risultato associato a una bassa frequenza di eventi avversi di grado 3 o superiore correlati al trattamento e con indipendenza da trasfusioni, remissioni durevoli e remissioni molecolari in alcuni pazienti con remissione completa. ( Xagena2018 )

DiNardo CD et al, N Engl J Med 2018; 378: 2386-2398

Emo2018 Onco2018 Farma2018


Indietro