Janssen Oncology
Roche
ELN 2018
Ematobase.it

Rischio di tumore allo stomaco dopo trattamento per linfoma di Hodgkin


Il tumore dello stomaco correlato al trattamento rappresenta una importante causa di morbilità e mortalità nel crescente numero di sopravvissuti al linfoma di Hodgkin, ma i rischi associati agli specifici trattamenti per il linfoma di Hodgkin non sono ben definiti.

È stato condotto uno studio internazionale caso-controllo sul cancro allo stomaco in una coorte di 19.882 sopravvissuti a linfoma di Hodgkin, diagnosticato tra il 1953 e il 2003, inclusi 89 casi e 190 controlli.

Per ciascun paziente sono state quantificate le dosi cumulative di specifici agenti alchilanti ed è stata ricostruita la dose di radiazione alla localizzazione gastrica del tumore.

Il rischio di tumore gastrico è aumentato con l’aumentare della dose di radiazione allo stomaco ( P per la tendenza inferiore a 0.001 ) e con l’aumento del numero di cicli di chemioterapia contenenti agenti alchilanti ( P per tendenza=0.02 ).

I pazienti che avevano ricevuto sia radiazione allo stomaco uguale o superiore a 25 Gy sia alta dose di Procarbazina ( Natulan ) ( uguale o superiore a 5.600 mg/m2 ) hanno mostrato un rischio notevolmente aumentato di tumore dello stomaco ( 25 casi, 2 controlli; odds ratio [ OR ], 77.5 ) rispetto a quelli che avevano ricevuto radiazioni inferiori a 25 Gy e Procarbazina inferiore a 5.600 mg/m2 ( P per interazione inferiore a 0.001 ).

Il rischio è risultato elevato ( OR=2.8 ) anche tra i pazienti che avevano ricevuto radiazione allo stomaco uguale o superiore a 25 Gy ma Procarbazina inferiore a 5.600 mg/m2; tuttavia, non è emerso un rischio correlato a Procarbazina con una radiazione inferiore a 25 Gy.

Anche il trattamento con Dacarbazina ( Deticene ) ha aumentato il rischio di tumore dello stomaco ( 12 casi, 9 controlli; OR=8.8 ), dopo aggiustamento per dosi di radiazione e Procarbazina.

In conclusione, pazienti con linfoma di Hodgkin che avevano ricevuto radioterapia sottodiaframmatica hanno mostrato un rischio dose-dipendente di tumoregastrico, con rischi elevati per i pazienti che avevano ricevuto anche chemioterapia contenente alta dose di Procarbazina.
Nei pazienti attualmente in trattamento, i rischi e i benefici della esposizione a entrambi i trattamenti ( Procarbazina e radioterapia sottodiaframmatica ) dovrebbero essere valutati con attenzione.
Per i pazienti precedentemente trattati, i sintomi gastrointestinali devono essere valutati immediatamente. ( Xagena2013 )

Morton LM et al, J Clin Oncol 2013; 31: 3369-3377

Emo2013 Onco2013 Gastro2013 Farma2013


Indietro