ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Rituximab, Bendamustina e Citarabina a basso dosaggio come terapia di induzione nei pazienti anziani con linfoma a cellule del mantello


La combinazione di Rituximab, Bendamustina e Citarabina ( R-BAC ) è risultata estremamente attiva in uno studio pilota del linfoma mantellare, ma il suo utilizzo è stato limitato da un'elevata tossicità ematologica.

E' stata valutata l'efficacia e la sicurezza di un regime R-BAC con Citarabina a basso dosaggio ( RBAC500 ).

In uno studio multicentrico di fase 2, sono stati reclutati pazienti precedentemente non-trattati con una diagnosi istologica di linfoma a cellule del mantello da 29 Centri della Fondazione Italiana Linfomi in Italia.
I pazienti dovevano avere un'età superiore a 65 anni ed essere in buona saluta secondo una valutazione geriatrica completa, o di età compresa tra 60 e 65 anni qualora non fossero adatti alla chemioterapia ad alto dosaggio più trapianto di cellule staminali autologhe e fossero o meno in buona salute.

Tutti i pazienti hanno ricevuto RBAC500: Rituximab 375 mg/m2 il primo giorno, Bendamustina 70 mg/m2 nei giorni 2 e 3 e Citarabina 500 mg/m2 nei giorni 2-4, tutti somministrati per via endovenosa ogni 4 settimane per 6 cicli.

Gli endpoint primari erano la percentuale di pazienti che hanno raggiunto una risposta completa alla fine del trattamento e la tossicità, definita come il verificarsi di uno qualsiasi dei criteri di interruzione del trattamento o di qualsiasi episodio di tossicità rilevante.

Tutti i pazienti che hanno iniziato almeno un ciclo di RBAC500 sono stati inclusi nelle analisi primarie e di sicurezza.
Utilizzando l'efficacia e la tossicità come endpoint primario composito, la conclusione finale è stata considerata positiva se più di 28 pazienti su 57 ottenevano una risposta completa e meno di 18 pazienti su 57 riportavano tossicità.

Tra il 2012 e il 2014 sono stati arruolati 57 pazienti ( età media 71 anni ). 54 pazienti ( 95% ) hanno ricevuto almeno 4 cicli di RBAC500 ( 3 hanno interrotto a causa della tossicità ) e 38 ( 67% ) hanno completato 6 cicli. 2 ( 4% ) hanno avuto progressione della malattia ( uno dopo il quarto ciclo e uno dopo il sesto ciclo ).

Tutti e 52 i rimanenti pazienti ( 91% ) hanno raggiunto una risposta completa alla fine del trattamento.

23 pazienti su 57 ( 40% ) hanno manifestato almeno un episodio di tossicità rilevante. Le tossicità ematologiche più frequenti di grado 3-4 sono state neutropenia ( 149 su 304 cicli, 49% ) e trombocitopenia ( 158, 52% ).

La maggior parte degli eventi avversi non-ematologici correlati al trattamento sono stati di grado 1-2, con i più frequenti rappresentati da stanchezza ( 14, 25% ), nausea o vomito ( 12, 21% ) e reazioni correlate all'infusione o sindrome da lisi tumorale ( 12, 21% ).

41 pazienti ( 72% ) hanno richiesto una riduzione della dose.

12 pazienti sono morti durante lo studio, ma nessun decesso è stato correlato al trattamento.

RBAC500 è un trattamento efficace per i pazienti anziani con linfoma a cellule del mantello e, nonostante non abbia soddisfatto i limiti di sicurezza prefissati, la tossicità ematologica è stata gestibile con adeguata assistenza e riduzione della dose.
Poiché la terapia di mantenimento non è necessaria, RBAC500 potrebbe essere considerato una opzione e dovrebbe essere studiato nelle prove di fase 3. ( Xagena2017 )

Visco C et al, Lancet Haematology 2017; 4: e15-e23

Emo2017 Onco2017 Farma2017


Indietro