Janssen Oncology
Roche
ELN 2018
Ematobase.it

Terapia diretta contro la malattia minima residua in bambini con leucemia mieloide acuta


Si è cercato di migliorare l'esito nei pazienti con leucemia mieloide acuta pediatrica utilizzando una terapia diretta contro il rischio e basata sulle anomalie genetiche delle cellule leucemiche. Nel corso del trattamento sono state effettuate misurazioni della malattia minima residua con citometria di flusso.

Nel periodo 2002-2008, 232 bambini con leucemia mieloide acuta de-novo ( n=206 ), leucemia mieloide acuta correlata a terapia o a mielodisplasia ( n=12 ), o leucemia a linee miste ( n=14 ), sono stati arruolati presso 8 Centri.

Un totale di 230 pazienti sono stati assegnati con randomizzazione a blocchi, non-in-cieco, stratificata per sottotipo citogenetico o morfologico, ad alta ( 18 g/m2, n=113 ) o bassa ( 2 g/m2, n=117 ) dose di Citarabina somministrata con Daunorubicina ed Etoposide ( ADE; induzione 1 ).

Lo scopo primario dello studio era confrontare l'incidenza di positività a malattia minima residua del gruppo ad alta dose e di quello a bassa dose al giorno 22 dell'induzione 1.

L'induzione 2 era rappresentata da ADE con o senza Gemtuzumab Ozogamicina ( Mylotarg ), anticorpo monoclonale anti-CD33; la terapia di consolidamento includeva tre cicli aggiuntivi di chemioterapia o trapianto di cellule staminali ematopoietiche.

I livelli di malattia minima residua sono stati utilizzati per assegnare Gemtuzumab Ozogamicina e per determinare la tempistica dell'induzione 2.

Sia la malattia minima residua sia le anomalie genetiche alla diagnosi sono state utilizzate per determinare la classificazione finale del rischio.

I pazienti a basso rischio ( n=68 ) hanno ricevuto 5 cicli di chemioterapia, mentre quelli ad alto rischio ( n=79 ) e quelli a rischio standard ( n=69 ) con fratelli donatori compatibili, sono risultati idonei per il trapianto di cellule staminali ematopoietiche ( effettuato in 48 pazienti ad alto rischio e in 8 a rischio standard ).

Tutti e i 230 pazienti randomizzati sono stati analizzati per l'endpoint primario.

Le altre analisi si sono limitate ai 216 pazienti con leucemia mieloide acuta, escludendo quelli con leucemia a linee miste.

La remissione completa è stata raggiunta nell'80% ( 173 su 216 pazienti ) dopo induzione 1 e nel 94% ( 203 su 216 ) dopo induzione 2.

I fallimenti nell'induzione hanno incluso 2 decessi per effetti tossici e 10 casi di leucemia resistente.

L'introduzione di Citarabina ( Aractyn ) ad alta dose versus bassa dose non ha ridotto in modo significativo il tasso di positività a malattia minima residua dopo induzione 1 ( 34 vs 42%, p=0.17 ).

L'incidenza cumulativa a 6 mesi di infezioni di grado uguale o superiore a 3 è stata pari al 79.3% per i pazienti nel gruppo alta dose e 75.5% per quelli nel gruppo bassa dose.

A 3 anni, la sopravvivenza libera da eventi e la sopravvivenza generale sono state, rispettivamente, 63.0% e 71.1%.

L'80% ( 155 su 193 ) dei pazienti ha raggiunto il traguardo di malattia minima residua inferiore a 0.1% dopo induzione 2 e l'incidenza cumulativa di recidiva per questo gruppo è stata pari al 17%.

La malattia minima residua uguale o superiore a 1% dopo induzione 1 è stato l'unico fattore prognostico avverso indipendente per sopravvivenza libera da eventi ( hazard ratio, HR=2.41; p=0.003 ) e sopravvivenza generale ( HR=2.11; p=0.028 ).

In conclusione, questi dati suggeriscono che l'uso di chemioterapia mirata e di trapianto di cellule staminali emopoietiche nel contesto di una strategia di stratificazione del rischio basata su fattori genetici e malattia minima residua, può migliorare l'esito nei pazienti con leucemia mieloide acuta pediatrica. ( Xagena2010 )

Rubnitz JE et al, Lancet Oncol 2010; 11: 543-552


Emo2010 Onco2010 Farma2010


Indietro