Roche
ELN 2018
Ematobase.it
Janssen Oncology

Trattamento con Decitabina per 5 giorni rispetto a 10 giorni nei pazienti anziani con leucemia mieloide acuta di nuova diagnosi


Gli agenti ipometilanti, come la Decitabina ( Dacogen ), sono lo standard di cura per i pazienti più anziani con leucemia mieloide acuta di nuova diagnosi.
Studi a singolo braccio hanno suggerito che un programma di 10 giorni di Decitabina porti a esiti migliori rispetto al normale programma di 5 giorni.
Sono state confrontate l'efficacia e la sicurezza di questi due programmi.

I pazienti eleggibili avevano un'età di 60 anni o più e avevano leucemia mieloide acuta, ma non erano adatti alla chemioterapia intensiva ( o avevano meno di 60 anni se non idonei alla chemioterapia intensiva con Antraciclina più Citarabina ).

I primi 40 pazienti sono stati assegnati equamente ai due gruppi di trattamento, dopo di che un algoritmo di randomizzazione adattativa ha utilizzato tutti i precedenti dati di trattamento e risposta dei pazienti per decidere l'assegnazione di ciascun paziente successivo, favorendo il gruppo con una risposta superiore.

I pazienti sono stati assegnati a ricevere 20 mg/m2 di Decitabina per via endovenosa per 5 o 10 giorni consecutivi come terapia di induzione, ogni 4-8 settimane per un massimo di tre cicli.

I pazienti responder hanno ricevuto Decitabina come terapia di consolidamento in un programma di 5 giorni per un massimo di 24 cicli.

È stato valutato l'endpoint primario composito di remissione completa, remissione completa con recupero piastrinico incompleto ( CRp ) e remissione completa con recupero ematologico incompleto ( CRi ) raggiunto in qualsiasi momento e valutato per intention-to-treat.

Tra il 2013 e il 2018, sono stati arruolati 71 pazienti. 28 hanno ricevuto Decitabina per 5 giorni e 43 per 10 giorni, e tutti erano valutabili per efficacia e sicurezza.

L'endpoint primario è stato raggiunto da proporzioni simili di pazienti nei due gruppi di trattamento ( 12 su 28, 43%, nel gruppo con programma di 5 giorni, e 17 su 43, 40%, nel gruppo con programma di 10 giorni; P=0.88, differenza 3% ).

Il follow-up totale è stato di 38.2 mesi, durante i quali la durata mediana della sopravvivenza globale è stata di 5.5 mesi nel gruppo di 5 giorni e 6.0 mesi nel gruppo di 10 giorni.

La sopravvivenza globale a 1 anno è stata del 25% in entrambi i gruppi.

La remissione completa, la remissione completa con recupero incompleto delle piastrine, la remissione completa con recupero ematologico incompleto e la sopravvivenza globale non differivano tra i gruppi quando si è stratificato per citogenetica, leucemia mieloide acuta de-novo vs secondaria o correlata alla terapia, o stato TP53-mutato.

Gli eventi avversi di grado 3-4 più comuni sono stati febbre neutropenica ( 7 pazienti nel gruppo di 5 giorni, 25%, e 14 nel gruppo di 10 giorni, 33% ) e infezione ( 5, 18%, e 16, 37%, rispettivamente ).

Un paziente ( 4% ) è deceduto per sepsi nel contesto di febbre neutropenica, infezione ed emorragia nel gruppo di 5 giorni, e nel gruppo di 10 giorni 6 pazienti ( 14% ) sono deceduti per infezione.

La mortalità precoce è stata simile nei due gruppi.

Nei pazienti più anziani con leucemia mieloide acuta di nuova diagnosi, l'efficacia e la sicurezza di Decitabina non differivano nel programma di 5 giorni o di 10 giorni. ( Xagena2019 )

Short NJ et al, Lancet Haematology 2019; 6: 29-37

Onco2019 Emo2019 Farma2019


Indietro