ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Trattamento di prima linea di linfoma non-Hodgkin indolente o linfoma a cellule del mantello con Bendamustina più Rituximab versus R-CHOP o R-CVP: risultati dello studio di follow-up di 5 anni BRIGHT


Lo studio BRIGHT è stato avviato per confrontare l'efficacia e la sicurezza di Bendamustina ( Levact ) più Rituximab ( BR ) con Rituximab più Ciclofosfamide, Doxorubicina, Vincristina e Prednisone ( R-CHOP ) o Rituximab più Ciclofosfamide, Vincristina, e Prednisone ( R-CVP ) per pazienti naive al trattamento con linfoma non-Hodgkin indolente o linfoma a cellule del mantello.

Sono stati forniti dati di follow-up a lungo termine.

I pazienti sono stati monitorati per almeno 5 anni dopo il completamento del trattamento di studio per gli endpoint time-to-event di sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), sopravvivenza libera da eventi, durata della risposta e sopravvivenza globale. <
Sono stati anche raccolti i dati sul numero di pazienti che hanno ricevuto un trattamento antitumorale di seconda linea e l'insorgenza di altri tumori maligni.

Le mediane non sono state raggiunte per nessuno degli endpoint time-to-event per i gruppi di trattamento dello studio BR o R-CHOP / R-CVP a completamento dello studio.

I tassi di sopravvivenza libera da progressione a 5 anni sono stati del 65.5% nel gruppo di trattamento BR e del 55.8% nel gruppo R-CHOP / R-CVP.
La differenza in PFS è stata considerata significativa con un hazard ratio ( HR ) di 0.61 ( P=0.0025 ).

Anche l'hazard ratio per la sopravvivenza libera da eventi e la durata della risposta ( P=0.0020 e 0.0134, rispettivamente ) hanno favorito il regime BR rispetto a R-CHOP / R-CVP.
Tuttavia, non è stata osservata alcuna differenza significativa nella sopravvivenza globale.

I profili di sicurezza generali di BR, R-CHOP e R-CVP sono risultati come previsto; non sono stati raccolti nuovi dati sulla sicurezza durante il follow-up a lungo termine.
Un maggior numero di tumori secondari è stato notato nel gruppo di trattamento Bendamustina e Rituximab.

Complessivamente, il regime a base di Bendamustina e Rituximab ha dimostrato un migliore controllo a lungo termine della malattia rispetto a R-CHOP / R-CVP, e dovrebbe essere considerata un'opzione di trattamento di prima linea per i pazienti con linfoma indolente e linfoma a cellule del mantello. ( Xagena2019 )

Flinn IW et al, J Clin Oncol 2019; 37: 984-991

Emo2019 Onco2019 Farma2019


Indietro