Mediexplorer

Ematologia.net

Ematologia

È stato studiato l’esito della trasformazione istologica in un'ampia coorte di pazienti con linfoma follicolare che in precedenza aveva risposto alla immunochemioterapia. Dopo un follow-up mediano ...


Precedenti case report e studi osservazionali indicano che i prodotti delle immunoglobuline per via endovenosa ( IVIg ) possono causare eventi tromboembolici, che hanno portato l’Agenzia regolatoria d ...


Il disturbo linfoproliferativo post-trapianto simil-linfoma di Hodgkin ( HL-PTLD ) è una rara malattia linfoproliferativa con prognosi non chiara, e le differenze tra HL-PTLD e linfoma di Hodgkin immu ...


Lo sviluppo di alloanticorpi neutralizzanti anti-Fattore VIII ( inibitori ) in pazienti con grave emofilia A può dipendere dal concentrato utilizzato per la terapia sostitutiva. È stato condotto un ...


I risultati di studi caso-controllo hanno mostrato un aumento del rischio di leucemia linfoblastica acuta ( ALL ) nei bambini piccoli nati da parto cesareo, e parto cesareo pre-travaglio in particolar ...


Le infezioni da Clostridium difficile restano la principale causa di diarrea infettiva tra i pazienti ospedalizzati. I pazienti affetti da neoplasie ematologiche, in particolare coloro che sono sott ...


Precedenti studi hanno più volte riportato che l'aumentare dell'età è un fattore di rischio significativo per esiti meno favorevoli dopo trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche ( all ...


L'allargamento della milza, presente nel 10-20% dei pazienti con trombocitemia essenziale al momento della diagnosi, è una caratteristica clinicamente facile da valutare, confermabile dall’ecografia c ...


Molti pazienti e medici sono preoccupati che la gravidanza dopo la diagnosi di linfoma di Hodgkin ( HL ) possa aumentare il rischio di recidiva nonostante la mancanza di prove empiriche a sostegno di ...


Nonostante l'eterogeneità molecolare della leucemia mieloide acuta ( AML ) a rischio standard, le decisioni di trattamento si basano su un numero limitato di marcatori genetici molecolari e sulla valu ...


Il linfoma diffuso a grandi cellule B ( DLBCL ) positivo al virus di Epstein-Barr ( EBV ) è una neoplasia linfoide che è stata fino ad ora definita unicamente nei pazienti adulti, di età superiore a 5 ...


La leucemia mieloide cronica ( CML ) presenta un tasso di incidenza che aumenta con l'età, ma le relazioni fra caratteristiche della malattia ed età dei pazienti non sono state ancora del tutto chiari ...


La sopravvivenza prolungata nei pazienti con leucemia mieloide cronica trattati con inibitori della tirosin-chinasi mirati a BCR-ABL1 permette di tener conto della genitorialità per i pazienti in tera ...


I pazienti sopravvissuti a linfoma di Hodgkin ( HL ) trattati in età adulta sono a rischio per gli effetti tardivi della terapia. L'impatto della tarda morbilità e mortalità negli adulti sottoposti ...


C'è molta incertezza sui rischi di leucemia e linfoma dopo esposizione a radiazioni a basse dosi ripetute o prolungate tipiche di ambienti medici professionali, ambientali e diagnostici. Sono state ...


Il trapianto di cellule emopoietiche da donatori non-imparentati può curare le malattie ematologiche, ma comporta un rischio significativo di malattia acuta del trapianto contro l'ospite ( GVHD ). I ...


La linfoistiocitosi emofagocitica ( HLH ) è una sindrome clinica rara caratterizzata dalla attivazione del sistema fagocitico mononucleare. La diagnosi di linfoistiocitosi emofagocitica negli adulti ...


La valutazione della malattia nella macroglobulinemia di Waldenstrom ( WM ) dipende dal coinvolgimento percentuale delle neoplasie dei linfociti B nel midollo osseo e paraproteina IgM nel siero. Un ...


La presenza di una mutazione nel gene nucleofosmina-1 ( NPM1mut ) nella leucemia mieloide acuta ( AML ) è associata a una prognosi favorevole. Per valutare il valore predittivo per quanto riguarda i ...


Non è chiaro se i pazienti con linfoma di Hodgkin in stadio precoce e risultati negativi alla tomografia a emissione di positroni ( PET ) dopo tre cicli di chemioterapia con Doxorubicina, Bleomicina, ...


Per eliminare gli effetti tossici e le conseguenze della irradiazione cranica ( CrRT ) e per ridurre al minimo l'impatto negativo della puntura lombare traumatica con blasti, è stato condotto uno stud ...


È ben noto che il sangue del cordone ombelicale e il midollo osseo sono fonti di cellule staminali biologicamente diverse. E’ stata analizzata la fattibilità e l'esito del trapianto di cellule stamin ...


La mucosite orale è una complicanza comune di regimi di condizionamento con Melfalan ad alte dosi ( HDmel ). Uno studio di coorte retrospettivo ha analizzato l'impatto della crioterapia orale o di r ...


Circa un terzo dei pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B presenta coinvolgimento extranodale. Uno studio ha cercato di identificare i siti extranodali primari di malattia associati con la ...


Il prurito acquagenico è un sintomo tipico della policitemia vera, ma molto poco si sa circa la sua esatta frequenza, le caratteristiche, l’influenza sulla qualità di vita e il trattamento adeguato. ...


Le attuali lineeguida raccomandano la risonanza magnetica mammaria in aggiunta alla mammografia per lo screening del carcinoma mammario in donne sopravvissute a tumore, e trattate con irradiazione tor ...


La policitemia vera e la trombocitemia essenziale sono neoplasie mieloproliferative, caratterizzate principalmente da eritrocitosi e trombocitosi, rispettivamente.Altre caratteristiche della malattia ...


La leucemia acuta recidivante dopo trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche ( HSCT ) ha esito infausto. Pazienti consecutivi ( leucemia mieloide acuta: n=71; leucemia linfoblastica acu ...


Il tumore dello stomaco correlato al trattamento rappresenta una importante causa di morbilità e mortalità nel crescente numero di sopravvissuti al linfoma di Hodgkin, ma i rischi associati agli speci ...


La chemioterapia diretta al sistema nervoso centrale ( SNC ) e la radioterapia al cranio per leucemia linfoblastica acuta o linfoma hanno varie proprietà neurotossiche.È stato condotto uno studio per ...


La sopravvivenza generale a 5 anni per bambini con leucemia linfoblastica acuta da precursori delle cellule B supera il 90% con terapia adattata in base al rischio.Età, conta iniziale dei globuli bian ...


Sono stati valutati gli esiti di 482 bambini affetti da leucemia mieloide acuta ( AML ), arruolati nello studio Associazione Italiana di Ematologia e Oncologia Pediatrica AML 2002/01. Il trattamento è ...


I sopravvissuti a leucemia linfoblastica acuta ( ALL ) nell’infanzia trattati con radioterapia al cranio ( CRT ) sono a rischio di deterioramento cognitivo, sebbene non si sappia se il danno progredis ...


Ricercatori della Divisione di Ematologia e Trapianto di Midollo dell’ospedale S.Martino di Genova, coordinato da Andrea Bacigalupo, hanno valutato l’espressione di WT1 ( espresso come copie di messag ...


Non sono noti i biomarcatori plasmatici associati alla risposta della malattia del trapianto contro l’ospite ( GVHD ) acuta alla terapia dopo trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche.S ...


Il mieloma multiplo rappresenta circa il 10% delle neoplasie ematologiche. La diagnosi richiede il 10% o più di plasmacellule clonali all’esame del midollo osseo o un plasmocitoma certificato alla bio ...


Il trapianto allogenico di cellule staminali ( allo-SCT ) è l'unico trattamento potenzialmente curativo per la sindrome mielodisplastica. Recentemente, gli agenti ipometilanti hanno dimostrato di migl ...


Le prestazioni fisiche diminuiscono nei pazienti con talassemia major, ma l'impatto relativo dell’anemia e del sovraccarico di ferro sulla capacità di esercizio è sconosciuto.È stata valutata la funzi ...


Sono in fase di studio diverse nuove terapie per il linfoma periferico a cellule T recidivato o refrattario; tuttavia, il loro impatto relativo sull’esito non è noto.Uno studio ha esaminato la sopravv ...


Sebbene recenti studi abbiano suggerito che l’interruzione di Imatinib ( Glivec, Gleevec ) in pazienti affetti da leucemia mieloide cronica possa essere associata a risposta sostenuta, è necessaria un ...


Il trapianto di cellule staminali emopoietiche allogeniche ( HSCT ) rappresenta l'unico trattamento curativo per i pazienti con sindrome mielodisplastica, ma comporta morbilità e mortalità non trascur ...


L’introduzione della plasmaferesi ha portato a un notevole miglioramento nella sopravvivenza dei pazienti con porpora trombotica trombocitopenica, anche se circa il 10% dei pazienti muore ancora e un ...


L’obiettivo di uno studio è stato quello di chiarire la presentazione e il decorso dei pazienti affetti da leucemia linfatica cronica e amiloidosi.Sono state esaminate le banchedati dei pazienti con u ...


RAS è un oncogene frequentemente mutato nei tumori umani. Le mutazioni RAS sono state riportate nel 10-15% dei casi di leucemia mieloide acuta, ma sembrano essere meno frequenti tra i pazienti con sin ...


Ricercatori spagnoli hanno valutato il significato clinico dei livelli di cellule di leucemia linfoblastica acuta in campioni di liquido cerebrospinale durante la terapia.Sono stati studiati 990 campi ...


La malattia minima residua è il predittore più sensibile e specifico del rischio di recidiva in bambini con leucemia linfoblastica acuta durante la remissione.Uno studio ha valutato se l’intensità del ...


La gestione clinica del linfoma linfoplasmacellulare / macroglobulinemia di Waldenström è cambiata notevolmente negli ultimi anni con l'uso di nuovi agenti terapeutici ( analoghi delle purine, anticor ...


I pazienti con neoplasia a cellule dendritiche plasmacitoidi blastiche ( BPDCN ) hanno una prognosi sfavorevole con la chemioterapia convenzionale. Uno studio ha analizzato retrospettivamente l'esito ...


L’efficacia delle trasfusioni piastriniche nella prevenzione del sanguinamento in pazienti con tumori ematologici resta poco chiara.Uno studio ha valutato se la strategia di non-somministrare trasfusi ...


L’incidenza del linfoma di Hodgkin è aumentata tra gli adolescenti e i giovani adulti negli ultimi decenni, ma i fattori di rischio rilevanti nelle prime fasi della vita sono ancora sconosciuti. U ...