ELN 2018
Roche
Janssen Oncology
Ematobase.it

Bortezomib, Talidomide e Desametasone con o senza Ciclofosfamide come terapia di induzione nel mieloma multiplo non-trattato in precedenza


Bortezomib, Talidomide e Desametasone ( VTD ) è una terapia di induzione efficace nel mieloma multiplo.

È stato condotto uno studio di fase II, non-comparativo per determinare se l’aggiunta di Ciclofosfamide a questo regime ( VTDC ) fosse in grado di aumentare ulteriormente l’efficacia senza compromettere la sicurezza.

Pazienti di età compresa tra 18 e 70 anni con mieloma multiplo misurabile e precedentemente non-trattato, eleggibili per un trattamento con chemioterapia ad alta dose-trapianto autologo di cellule staminali, sono stati assegnati in maniera casuale a Bortezomib ( Velcade ) 1.3 mg/m2, Talidomide 100 mg e Desametasone 40 mg, con ( n=49 ) o senza ( n=49 ) Ciclofosfamide ( Endoxan ) 400 mg/m2 per 4 cicli di 21 giorni, seguiti da chemioterapia ad alta dose e trapianto autologo di cellule staminali.

L’endpoint primario era il tasso combinato post-induzione di risposta quasi completa ( nCR ) o migliore ( inclusa risposta completa [ CR ] con normalizzazione del rapporto tra le catene leggere libere kappa:lambda, risposta completa e risposta quasi completa ).

Dopo l’induzione, il 51% ( VTD ) e il 44% ( VTDC ) dei pazienti ha raggiunto l’endpoint combinato risposta completa / risposta quasi completa, con risposta completa confermata a livello di midollo osseo nel 29% e nel 31%, tassi di risposta generale di 100% e 96%, rispettivamente, e tassi di risposta parziale molto buona o migliore di 69% per braccio.

Dopo chemioterapia ad alta dose-trapianto autologo di cellule staminali, i tassi combinati di risposta completa / risposta quasi completa sono stati 85% ( VTD ) e 77% ( VTDC ).

In totale, il 35% ( VTD ) e il 27% ( VTDC ) dei pazienti sono risultati negativi per malattia minima residua durante induzione e post-induzione.

La sopravvivenza generale a 3 anni è stata pari all’80% ( entrambi i bracci ).

Eventi avversi di grado compreso tra 3 e 4 ed eventi avversi gravi sono stati osservati nel 47% e nel 22% ( VTD ) e nel 57% e 41% ( VTDC ) dei pazienti, rispettivamente.

L’endpoint primario di qualità di vita correlato alla salute ( punteggio European Organisation for Research and Treatment of Cancer Quality of Life Questionnaire C30 [ EORTC QLQ-C30 ] Global Health ) è aumentato regolarmente con il regime VTD durante l ’induzione e ha raggiunto una differenza clinicamente rilevante dopo il trapianto rispetto al basale.

In conclusione, sia VTD sia VTDC sono regimi di induzione altamente attivi che portano a un alto tasso combinato risposta completa / risposta quasi completa e a tassi negativi di malattia minima residua; tuttavia, il regime VTDC è risultato associato a una maggiore tossicità e a diminuzioni transitorie nel punteggio Global Health, senza un aumento dell’attività. ( Xagena2013 )

Ludwig H et al, J Clin Oncol 2013; 31: 247-255

Emo2013 Onco2013 Farma2013


Indietro