Ematologia Amgen
GSK Ematologia
Janssen Oncology
Celgene Ematologia

CAR-T: Axicabtagene ciloleucel conferisce un beneficio clinico durevole nel linfoma non-Hodgkin indolente ad alto rischio


Sono stati presentati i dati dell'analisi primaria dello studio di fase 2 ZUMA-5, che ha valutato l'efficacia e la sicurezza di Axicabtagene ciloleucel ( Yescarta ), una terapia a cellule T autologhe anti-CD19, tra i pazienti con linfoma non-Hodgkin ( NHL ) recidivato o refrattario, indolente di stadio avanzato.
Più del 90% dei pazienti con linfoma non-Hodgkin indolente in stadio avanzato ha presentato una risposta obiettiva al trattamento con Axicabtagene ciloleucel.
I promettenti risultati di efficacia sono stati associati a un profilo di sicurezza gestibile.

I linfomi indolenti a cellule B in stadio avanzato sono in gran parte incurabili con le terapie convenzionali. In particolare, le terapie di terza linea disponibili raramente portano a risposte complete e la durata della risposta è, in media, di circa 1 anno.

Axicabtagene ciloleucel, noto anche come Axi-cel, trova impiego negli adulti con linfoma a grandi cellule B recidivato o refrattario dopo due o più linee di terapia.

Lo studio ZUMA-5 ha coinvolto 146 pazienti ( età media, 61 anni; intervallo, 34-79; 57% uomini ) che hanno ricevuto Axi-cel.
L'analisi di efficacia presentata al Meeting ASH ha riguardato 104 pazienti con follow-up mediano di 17.5 mesi ( intervallo, 1.4-31.6 ) a partire dal cutoff dei dati del 12 marzo.
Ottantaquattro pazienti soffrivano di linfoma follicolare, mentre 20 avevano linfoma della zona marginale.

Tutti i pazienti avevano una mediana di tre precedenti linee di terapia ( range, 1-10 ) e l'86% aveva una malattia in stadio III o IV. Due terzi dei pazienti ( 68% ) erano refrattari alla precedente linea di trattamento.

I pazienti hanno ricevuto un regime chemioterapico linfodepletivo che ha incluso Ciclofosfamide e Fludarabina, seguito da un'infusione di Axi-cel alla dose di 2 × 10(6) cellule CAR-T per kg.

Le cellule CAR-T sono state prodotte con successo per tutti i pazienti arruolati nello studio. Il tempo mediano di consegna della produzione è stato di 17 giorni dalla leucaferesi alla consegna presso il sito dello studio.

Il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) valutato dal Comitato di revisione radiologico indipendente è servito come endpoint primario.
Gli endpoint secondari includevano il tasso di risposta completa ( CR ), la durata della risposta ( DOR ), la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), la sopravvivenza globale ( OS ) e gli eventi avversi.

I risultati di efficacia hanno mostrato un tasso ORR del 92% ( IC 95%, 85-97 ), con un tasso di risposta completo del 76% ( IC 95%, 67-84 ).
I pazienti con linfoma follicolare avevano un tasso ORR del 94%, con un tasso di risposta completo dell'80%.
I pazienti con linfoma della zona marginale avevano un tasso ORR dell'85% e un tasso di risposta completo del 60%.

Il 64% dei pazienti con linfoma follicolare ha presentato una risposta continua alla terapia al momento del cutoff dei dati.
La durata mediana della risposta, la sopravvivenza mediana senza progressione e la sopravvivenza mediana globale non sono state raggiunte.
Il tasso di durata della risposta a 1 anno è stato del 71.7% ( IC 95%, 60.7-80.1 ), un tasso di sopravvivenza libera da progressione a 1 anno del 73.7% ( IC 95%, 63.3-81.6 ) e un tasso di sopravvivenza globale a 1 anno di 92.9 % ( IC 95%, 85.6-96.5 ).

Riguardo alla sicurezza il 99% dei pazienti trattati con Axicabtagene ciloleucel ha manifestato almeno un evento avverso.
Gli eventi avversi correlati al trattamento più comuni sono stati: piressia ( 85% ), neutropenia ( 64% ) e ipotensione ( 49% ).
Gli eventi avversi di grado 3 o superiore, riscontrati dall'86% dei pazienti, includevano citopenie ( 70% ) e infezioni ( 16% ).

Tre pazienti sono morti durante lo studio: due per cause non-correlate alla malattia o al trattamento in studio e una per insufficienza d'organo multisistemica nel contesto della sindrome da rilascio di citochine.

L'82% dei pazienti ha sviluppato sindrome da rilascio di citochine ( CRS ), inclusi tutti e 22 i pazienti con linfoma della zona marginale e i 97 pazienti ( 78% ) nel gruppo linfoma follicolare.
Dieci pazienti ( 7% ) hanno manifestato una sindrome da rilascio di citochine di grado 3 o superiore, con un tempo mediano di insorgenza di 4 giorni ( intervallo, 1-15 ) e una durata mediana di 6 giorni ( intervallo, 1-27 ).

Il 60% dei pazienti ha manifestato tossicità neurologica, che era più comune tra i pazienti con linfoma della zona marginale rispetto al linfoma follicolare ( 77% vs 56% ).
Il 19% dei pazienti aveva neurotossicità di grado 3 o superiore, incluso il 41% di quelli con linfoma della zona marginale e il 15% di quelli con linfoma follicolare.

Il tempo mediano all'insorgenza della neurotossicità è stato di 7 giorni ( intervallo, 1-177 ), con una durata mediana di 14 giorni ( intervallo, 1-452 ). ( Xagena2020 )

Fonte: American Society of Hematology - ASH Virtual Annual Meeting, 2020

Emo2020 Onco2020 Med2020 Farma2020


Indietro