ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Confronto tra risposta del mieloma multiplo e risposta della gammopatia monoclonale di significato indeterminato alla stessa terapia anti-mieloma


Il mieloma multiplo è costantemente preceduto dalla gammopatia monoclonale di significato indeterminato ( MGUS ), che di solito viene trattata solo da una forma di terapia per il mieloma multiplo se causa una malattia sostanziale attraverso la deposizione di proteine ​​M secrete.
Tuttavia, gli studi comparativi su come MGUS e i cloni di plasmacellule di mieloma multiplo rispondano a queste terapie sono scarsi.
Il mieloma multiplo da gammopatia biclonale è caratterizzato dalla coesistenza di un clone di mieloma multiplo attivo e di un clone benigno di MGUS e fornisce quindi un modello unico per valutare le risposte di cloni separati alla stessa terapia anti-mieloma multiplo, nello stesso paziente, nello stesso momento.

Si è cercato di capire come MGUS e cloni di plasmacellule di mieloma multiplo rispondono alla terapia anti-mieloma multiplo in pazienti con nuova diagnosi di mieloma multiplo da gammopatia biclonale.

In questo studio di coorte retrospettivo, sono stati identificati i pazienti con mieloma multiplo da gammopatia biclonale mediante analisi di laboratorio di 6.399 pazienti con nuova diagnosi di mieloma multiplo arruolati in tre studi clinici nel Regno Unito ( Mieloma IX, Mieloma XI e TEAMM ) tra il 2004 e il 2015.

In aggiunta ai criteri di inclusione di questi studi, lo studio ha richiesto la presenza di due distinte proteine M nell'elettroforesi di immunofissazione.

L'endpoint primario era la differenza nella risposta ottenuta con la terapia anti-mieloma multiplo per MGUS ( definita M2 ) e con cloni di mieloma multiplio ( M1 ), complessivamente, tra i pazienti e tra i tipi di terapia, con criteri di risposta alla terapia internazionali valutati con analisi di X2.

44 pazienti con mieloma multiplo da gammopatia biclonale con cloni MGUS IgG o IgA sono stati successivamente identificati dai tre studi e successivamente monitorati.
41 ( 93% ) dei cloni M1 hanno avuto una risposta alla terapia ( risposta completa, risposta parziale molto buona, risposta parziale o risposta minore ) rispetto a solo 28 ( 64% ) dei cloni M2 ( P=0.0010 ).

Per i 20 pazienti sottoposti a terapia intensiva, non vi è stata alcuna differenza tra la proporzione di cloni rispondenti in M1 ( 19, 95% ) e M2 ( 15, 75%, P=0.13 ). Tuttavia, per i 17 pazienti sottoposti a terapia non-intensiva, 16 dei cloni M1 ( 94% ) hanno avuto una risposta rispetto a 10 dei cloni M2 ( 59%; P=0.031 ).
Quando sono stati esaminati i cloni all'interno dello stesso paziente, 30 dei 44 pazienti singoli ( 68% ) hanno mostrato livelli diversi di risposta nei cloni M1 e M2.
Un paziente ha mostrato progressione M2 a mieloma e successivamente è deceduto.

Questi risultati hanno mostrato che, nei pazienti con mieloma multiplo da gammopatia biclonale, le terapie anti-mieloma multiplo esercitano una maggiore profondità di risposta nei confronti dei cloni di plasmacellule di mieloma rispetto ai cloni di plasmacellule di MGUS.
Sebbene alcuni cloni di MGUS presentassero una risposta completa, molti non hanno risposto, il che suggerisce che le caratteristiche che rendono le plasmacellule di mieloma multiplo suscettibili alla terapia sono presenti solo in alcuni cloni di plasmacellule di MGUS.
Per determinare la suscettibilità alla terapia dei cloni di MGUS, gli studi futuri potrebbero cercare di identificare, con il mieloma multiplo da gammopatia biclonale come modello investigativo, le alterazioni genetiche ed epigenetiche che influenzano il fatto che i cloni di plasmacellule di MGUS rispondano alla terapia anti-mieloma multiplo. ( Xagena2017 )

Campbell JP et al, Lancet Haematology 2017; 4: 584-594

Emo2017



Indietro