Bringhen - Mieloma
Passamonti Neoplasie ematologiche
Arcaini Ematologia
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

Efficacia e sicurezza dell'inibitore del recettore Fc neonatale Efgartigimod negli adulti con trombocitopenia immunitaria primaria: studio ADVANCE IV


La trombocitopenia immune primaria è una malattia autoimmune mediata in parte da autoanticorpi piastrinici, che provoca trombocitopenia, sanguinamento e sintomi costituzionali.

Efgartigimod, un nuovo frammento Fc IgG1 umano di prima classe, si lega al recettore Fc neonatale ( FcRn ) con elevata affinità e riduce quindi le concentrazioni sieriche di IgG, compresi gli autoanticorpi.

L'obiettivo di questo studio era valutare l'efficacia e la sicurezza di Efgartigimod ( Vyvgart ) negli adulti con trombocitopenia immunitaria primaria persistente e cronica.

Questo studio di fase 3, multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, della durata di 24 settimane, ha valutato l'efficacia e la sicurezza di Efgartigimod per via endovenosa in adulti di età pari o superiore a 18 anni affetti da trombocitopenia immunitaria primaria cronica o persistente, con una conta piastrinica media inferiore di 30.000, che avevano risposto ad almeno una precedente terapia per trombocitopenia immunitaria e stavano assumendo una terapia concomitante al basale o avevano ricevuto almeno una seconda precedente terapia per trombocitopenia immunitaria.

Lo studio ha avuto luogo in 71 siti partecipanti di Asia, Europa e Nord America.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Efgartigimod 10 mg/kg oppure placebo per via endovenosa per le prime 4 settimane, dopodiché lo schema di dosaggio poteva essere modificato da una volta a settimana o a settimane alterne a seconda della conta piastrinica dei pazienti.

L'endpoint primario, valutato nella popolazione cronica, era la risposta sostenuta della conta piastrinica ( 50 o più x 10(9) per almeno 4 delle ultime 6 settimane ).

In totale 205 pazienti sono stati sottoposti a screening dal 2019 al 2022 e 131 ( 86 nel gruppo Efgartigimod; 45 nel gruppo placebo ) sono stati assegnati in modo casuale.

Questi pazienti rappresentavano una popolazione con malattia a lungo termine che aveva un tempo medio dalla diagnosi di 10.6 anni e il 67% ( 88/131 ) dei quali aveva ricevuto almeno tre precedenti trattamenti per trombocitopenia immune.

Il 22% dei pazienti ( 17/78 ) con trombocitopenia immune cronica trattati con Efgartigimod ha raggiunto l'endpoint primario rispetto al 5% ( 2/40 ) di quelli trattati con placebo ( P=0.032; differenza aggiustata nella risposta, 16% ).

Il numero mediano di settimane di controllo della malattia nei pazienti con trombocitopenia immunitaria cronica è stato pari a 2.0 per Efgartigimod rispetto a 0.0 per il placebo ( P=0.0009 ).

Efgartigimod è risultato ben tollerato; la maggior parte degli eventi avversi sono stati di gravità da lieve a moderata.
Gli eventi avversi più comuni di interesse in entrambi i gruppi sono stati mal di testa ( 16% con Efgartigimod e 13% con placebo ), ematuria ( 16% con Efgartigimod e 16% con placebo ) e petecchie ( 15% con Efgartigimod e 27% con placebo ).

Efgartigimod ha aumentato significativamente le risposte sostenute della conta piastrinica rispetto al placebo nei pazienti con trombocitopenia immunitaria cronica, compresi quelli che avevano ricevuto più terapie precedenti per la trombocitopenia immunitaria.

Una volta completato lo studio ADVANCE IV, i pazienti potevano arruolarsi nell’estensione in aperto in corso.

Efgartigimod per via sottocutanea è attualmente in fase di valutazione nei pazienti con trombocitopenia immune nello studio ADVANCE SC+. ( Xagena2023 )

Broome CM et al, Lancet 2023; 402: 1648-1659

Emo2023 Farma2023



Indietro