Janssen Oncology
Ematologia Amgen
Celgene Ematologia
GSK Ematologia

Esiti associati al condizionamento basato su Tiotepa nei pazienti con linfoma primitivo del sistema nervoso centrale dopo trapianto di cellule ematopoietiche autologhe


Il linfoma primitivo del sistema nervoso centrale ( PCNSL ) richiede l'induzione e il consolidamento per ottenere una potenziale guarigione.
La terapia ad alte dosi e il trapianto autologo di cellule ematopoietiche ( AHCT ) è una strategia di consolidamento accettata ed efficace per il linfoma PCNSL, ma non esiste consenso sui regimi di condizionamento ottimali.

Sono stati valutati gli esiti nei pazienti con linfoma PCNSL sottoposti a trapianto AHCT con i 3 regimi di condizionamento più comunemente usati: Tiotepa / Busulfan / Ciclofosfamide ( TBC ), Tiotepa / Carmustina ( TT-BCNU ) e Carmustina / Etoposide / Citarabina / Melfalan ( BEAM ).

Uno studio di coorte osservazionale ha utilizzato i dati del registro CIBMTR ( Center for International Blood and Marrow Transplant Research ).
Il Center è un gruppo di lavoro di oltre 380 centri di trapianto in tutto il mondo che ha fornito dati dettagliati sul trapianto di cellule ematopoietiche ( HCT ) a un centro statistico presso il Medical College of Wisconsin, Milwaukee.

I dati dei partecipanti provenivano da 603 pazienti adulti con linfoma PCNSL sottoposti a trapianto AHCT come consolidamento iniziale o successivo tra il 2010 e il 2018.
I pazienti sono stati esclusi se avevano un sottotipo di linfoma non-Hodgkin diverso dal linfoma diffuso a grandi cellule B, linfoma non-Hodgkin sistemico, o HIV; avevano ricevuto un regime di condizionamento non-comune; o non erano in remissione parziale o completa prima del trapianto AHCT.

I pazienti hanno ricevuto 1 di 3 regimi di condizionamento: TBC ( n=263 ), TT-BCNU ( n=275 ) e BEAM ( n=65 ).

L'esito primario era la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ). Gli esiti secondari includevano il recupero ematopoietico, l'incidenza di recidive, la mortalità non dovuta a recidiva e la sopravvivenza globale ( OS ).

Su 603 pazienti, l'età media era di 57 anni e 318 ( 53% ) erano maschi. I tassi di sopravvivenza libera da progressione aggiustati a 3 anni erano più alti nella coorte TBC ( 75% ) e nella coorte TT-BCNU ( 76% ) rispetto alla coorte BEAM ( 58% ) ( P=0.03 ) a causa di un rischio di recidiva più elevato nella coorte BEAM ( hazard ratio, HR, 4.34; P  minore di 0.001 ).

In un'analisi di regressione multivariabile, rispetto alla coorte TBC, i pazienti che hanno ricevuto TT-BCNU avevano un rischio di recidiva più elevato ( HR, 1.79; P=0.03 ), un rischio inferiore di mortalità non-dovuta a recidiva ( HR, 0.50; P=0.01 ) e rischio simile di mortalità per tutte le cause più di 6 mesi dopo il trapianto di cellule staminali ( HR, 1.54; P=0.10 ).

L'età di 60 anni o superiore, un Karnofsky performance status inferiore a 90 e un indice di comorbilità HCT maggiore o uguale a 3 sono stati associati a tassi di sopravvivenza inferiori in tutte e 3 le coorti.
Le analisi dei sottogruppi hanno dimostrato che i pazienti di età pari o superiore a 60 anni avevano una mortalità non-correlata a recidiva considerevolmente più elevata con TBC.

In questo studio di coorte, il regime di condizionamento a base di Tiotepa è risultato associato a tassi di sopravvivenza più elevati rispetto al regime BEAM, nonostante tassi più elevati di effetti tossici precoci e mortalità non-dovuta a recidiva; questi risultati possono aiutare i medici a scegliere tra regime TBC o TT-BCNU in base alle caratteristiche del paziente e della malattia. ( Xagena2021 )

Scordo M et al, JAMA Oncol 2021; 7: 993-1003

Emo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro