ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Ibrutinib come trattamento per i pazienti con linfoma follicolare recidivante / refrattario: studio DAWN


L'inibitore della tirosin-chinasi di Bruton, Ibrutinib ( Imbruvica ), ha dimostrato attività clinica nelle neoplasie delle cellule B.
Lo studio DAWN ha valutato l'efficacia e la sicurezza di Ibrutinib in monoterapia nei pazienti con linfoma follicolare recidivante / refrattario alla chemioimmunoterapia.

DAWN era uno studio in aperto di fase II a braccio singolo di Ibrutinib in pazienti con linfoma follicolare con due o più linee precedenti di terapia.
I pazienti hanno ricevuto Ibrutinib 560 mg al giorno fino a progressione della malattia / tossicità inaccettabile.

L'obiettivo primario era il tasso di risposta globale ( ORR, risposta completa più risposta parziale ).

Sono state eseguite analisi esplorative dei sottotipi di cellule T nel sangue periferico ( basale / ciclo 3 ) e delle citochine / chemochine ( basale / ciclo 2 ).

Tra il 2013 e il 2016, sono stati arruolati 110 pazienti con una mediana di 3 linee precedenti di terapia.

Al follow-up mediano di 27.7 mesi, il tasso di risposta obiettiva era del 20.9%. 12 pazienti hanno ottenuto una risposta completa ( 11% ).
La durata mediana della risposta è stata di 19.4 mesi, con una sopravvivenza mediana libera da progressione di 4.6 mesi e una sopravvivenza globale a 30 mesi del 61%.

I sintomi del linfoma si sono risolti nel 67% dei casi. 7 dei 32 pazienti che hanno presentato una progressione radiologica iniziale hanno risposto alla terapia continuativa ( pseudoprogressione ).

Gli eventi avversi più comuni sono stati: diarrea, affaticamento, tosse e spasmi muscolari; il 48.2% dei pazienti ha riportato eventi avversi gravi.

Nei pazienti responder le cellule T regolatorie sono state down-regolate a C3D1 ( P=0.02 ) e i livelli delle citochine antitumorali che promuovono Th1, Interferone-gamma e Interleuchina-12, sono aumentati ( P minore o uguale a 0.035 ).

In conclusione, con un tasso di risposta obiettiva del 20.9%, Ibrutinib non è riuscito a raggiungere l'endpoint primario di efficacia nella chemoimmunoterapia nei pazienti con linfoma follicolare recidivante / refrattario, sebbene le risposte fossero durature e associate a una riduzione delle cellule T regolatorie e ad aumenti delle citochine proinfiammatorie. ( Xagena2018 )

Gopal AK et al, J Clin Oncol 2018; 36: 2405-2412

Onco2018 Emo2018 Farma2018


Indietro