ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Ibrutinib, Lenalidomide e Rituximab nel linfoma a cellule del mantello recidivo o refrattario


I regimi basati su Ibrutinib ( Imbruvica ) da solo e Lenalidomide ( Revlimid ) e Rituximab ( MabThera ) in combinazione hanno mostrato alta attività nei pazienti con linfoma a cellule del mantello recidivate o refrattario.
Si è ipotizzato che la combinazione di tutti e tre i farmaci migliori l'efficacia rispetto ai dati pubblicati in precedenza con entrambi i regimi.

Nello studio di fase 2, multicentrico, in aperto, a braccio singolo, PHILEMON, sono stati arruolati pazienti di età pari o superiore a 18 anni con linfoma a cellule del mantello recidivato o refrattario che erano stati precedentemente trattati con almeno un regime contenente Rituximab, con un ECOG performance status di 0-3 e almeno un sito di malattia misurabile e che soddisfacevano i criteri per diversi parametri valutati in laboratorio.

Il trattamento è stato suddiviso in una fase di induzione di 12 cicli di 28 giorni con tutti e tre i farmaci e una fase di mantenimento con solo Ibrutinib e Rituximab ( durata del ciclo di 56 giorni ), somministrata fino a progressione della malattia o a tossicità inaccettabile.
Nella fase di induzione, i pazienti hanno ricevuto per via endovenosa ( 375 mg/m2 ) o sottocutanea ( 1.400 mg ) Rituximab una volta alla settimana durante il ciclo 1 e poi una volta ogni 8 settimane.

Ibrutinib orale ( 560 mg una volta al giorno ) è stato somministrato ai pazienti ogni giorno del ciclo, mentre Lenalidomide orale ( 15 mg una volta al giorno ) è stata somministrata nei giorni 1-21.

L'endpoint primario era la risposta complessiva valutata nella popolazione intention-to-treat secondo i criteri di Lugano.
L'analisi di sicurezza ha incluso tutti i pazienti che hanno ricevuto il trattamento, indipendentemente dall'ammissibilità o dalla durata del trattamento.

Tra il 2015 e il 2016, sono stati arruolati 50 pazienti con linfoma a cellule del mantello recidivato o refrattario in dieci Centri in Svezia, Finlandia, Norvegia e Danimarca.

A un follow-up medio di 17.8 mesi, 38 pazienti ( 76% ) hanno presentato una risposta globale, di cui 28 ( 56% ) che hanno avuto una risposta completa e 10 ( 20% ) che hanno avuto una risposta parziale.

Gli eventi avversi di grado 3-4 più comuni sono stati neutropenia ( in 19 su 50 pazienti, 38% ), infezioni ( in 11 pazienti, 22% ) e tossicità cutanea ( in 7 pazienti, 14% ).

Ci sono stati tre decessi correlati al trattamento durante lo studio, due a causa di sepsi e uno a causa di ictus embolico.

I risultati hanno fornito una evidenza preliminare che la combinazione in tripletta di Ibrutinib, Lenalidomide e Rituximab è un regime attivo in pazienti con linfoma a cellule del mantello recidivato o refrattario, e deve essere valutata in uno studio prospettico randomizzato controllato. ( Xagena2018 )

Jerkeman M et al, Lancet Haematol 2018; 5: e109-e116

Emo2018 Farma2018


Indietro