ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Ibrutinib più Rituximab nella macroglobulinemia di Waldenström


Ibrutinib ( Imbruvica ) come singolo agente ha mostrato una attività sostanziale in pazienti con macroglobulinemia di Waldenström recidivante, una forma rara di linfoma a cellule B.
È stato valutato l'effetto dell'aggiunta di Ibrutinib a Rituximab ( MabThera ) in pazienti affetti da questa malattia, sia in coloro che non avevano ricevuto precedenti trattamenti, sia in quelli con recidiva di malattia.

Sono stati assegnati casualmente 150 pazienti sintomatici a ricevere Ibrutinib più Rituximab oppure placebo più Rituximab.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione. Gli endpoint secondari erano i tassi di risposta, il miglioramento ematologico sostenuto rispetto al basale e la sicurezza.

Lo stato mutazionale di MYD88 e CXCR4 è stato valutato in campioni di midollo osseo.

A 30 mesi, il tasso di sopravvivenza libera da progressione è stato dell'82% con la combinazione Ibrutinib e Rituximab, rispetto al 28% con placebo-Rituximab ( hazard ratio per progressione o morte, HR=0.20; P minore di 0.001 ).

Il beneficio nel gruppo Ibrutinib-Rituximab rispetto a quello nel gruppo placebo-Rituximab era indipendente dal genotipo MYD88 o CXCR4.

La percentuale di risposta maggiore è stata superiore con Ibrutinib-Rituximab rispetto a placebo-Rituximab ( 72% vs 32%, P minore di 0.001 ).

Un numero maggiore di pazienti ha presentato aumenti del livello di emoglobina con Ibrutinib-Rituximab rispetto a placebo-Rituximab ( 73% vs 41%, P minore di 0.001 ).

Gli eventi avversi di qualsiasi grado più comuni con Ibrutinib-Rituximab hanno incluso reazioni correlate all'infusione, diarrea, artralgia e nausea.
Gli eventi di grado 3 o superiore che si sono verificati più frequentemente con Ibrutinib-Rituximab rispetto a placebo-Rituximab hanno incluso fibrillazione atriale ( 12% vs 1% ) e ipertensione ( 13% vs 4% ); quelli che si sono verificati meno frequentemente hanno incluso reazioni all'infusione ( 1% vs 16% ) e qualsiasi grado di flare ( aumento temporaneo ) di IgM ( 8% vs 47% ).
Il tasso di emorragia maggiore è stato lo stesso nei due gruppi di studio ( 4% ).

In conclusione, tra i pazienti con macroglobulinemia di Waldenström, l'impiego della combinazione Ibrutinib e Rituximab ha portato a tassi significativamente più alti di sopravvivenza libera da progressione, rispetto all'uso di Rituximab associato a placebo, sia tra coloro che non avevano ricevuto alcun trattamento precedente che tra quelli con recidiva di malattia.
La fibrillazione atriale e l'ipertensione sono risultati più comuni con Ibrutinib-Rituximab, mentre le reazioni all'infusione e l'insorgenza di flare di IgM erano più comuni con placebo-Rituximab. ( Xagena2018 )

Dimopoulos MA et al, N Engl J Med 2018; 378: 2399-2410

Emo2018 Farma2018


Indietro