ELN 2018
Janssen Oncology
Roche
Ematobase.it

Idarubicina, Citarabina e Nivolumab nei pazienti con leucemia mieloide acuta di nuova diagnosi o sindrome mielodisplastica ad alto rischio


Gli esiti per i pazienti più giovani con leucemia mieloide acuta sono moderatamente migliorati negli ultimi due decenni grazie a una migliore terapia di supporto e alla recente introduzione di nuovi agenti mirati.
Il blocco di PD-1 e dei suoi ligandi migliora le risposte antileucemiche abilitando le cellule T nei modelli murini.

È stata valutata l'aggiunta di Nivolumab ( Opdivo ) alla terapia di prima linea con Idarubicina e Citarabina nei pazienti con leucemia mieloide acuta di nuova diagnosi o sindrome mielodisplastica ad alto rischio.

Questa parte a braccio singolo di fase 2 dello studio di fase 1-2 di Nivolumab in combinazione con Idarubicina e Citarabina è stata condotta presso l'University of Texas MD Anderson Cancer Center ( Houston, Texas, USA ).
I pazienti eleggibili avevano un'età compresa tra 18 e 60 anni ( o più di 60 anni se idonei per la chemioterapia intensiva ) e avevano leucemia mieloide acuta di nuova diagnosi o sindrome mielodisplastica ad alto rischio e un ECOG performance status di 0-2.

L'induzione includeva Citarabina 1.5 g/m2 per 24 ore di infusione continua ogni giorno nei giorni 1-4 ( 3 giorni nei pazienti con più di 60 anni ) e Idarubicina 12 mg/m2 ogni giorno nei giorni 1-3.
Nivolumab 3 mg/kg è iniziato il giorno 24 ed è continuato ogni 2 settimane per un massimo di 1 anno nei pazienti con risposta.
I responder hanno ricevuto fino a 5 cicli di consolidamento con dosi attenuate di Idarubicina e Citarabina, o trapianto di cellule staminali allogeniche, se ammissibili.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da eventi.

Analisi di efficacia e di sicurezza sono state condotte in tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose di trattamento in studio.
Gli endpoint secondari erano la sopravvivenza libera da recidiva e la sopravvivenza globale.

Tra il 2015 e il 2018 sono stati arruolati 44 pazienti, di cui 22 ( 50% ) presentavano un rischio genetico avverso secondo la classificazione European Leukaemia Network.
Tutti i pazienti erano valutabili per sicurezza ed efficacia.

A un follow-up mediano di 17.25 mesi, la sopravvivenza mediana libera da eventi non è stata raggiunta.
La sopravvivenza mediana libera da recidiva dei responder è stata di 18.54 mesi.

Sei pazienti hanno manifestato 7 eventi avversi immuno-correlati di grado 3-4 con due casi di eruzione cutanea, due di colite e uno ciascuno di transaminite, pancreatite e colecistite.

19 pazienti su 44 ( 43% ) hanno ottenuto una risposta e hanno proceduto al trapianto di cellule staminali allogeniche, con malattia da trapianto contro l'ospite di grado 3-4 osservata in 5 ( 26% ).

Nessun decesso correlato al trattamento è stato attribuito a Nivolumab.

L'aggiunta di Nivolumab alla chemioterapia di induzione con Idarubicina e Citarabina è possibile in pazienti con leucemia mieloide acuta di nuova diagnosi o sindrome mielodisplastica ad alto rischio.
La malattia da trapianto contro l'ospite grave post-trapianto potrebbe essere migliorata; in studi futuri è giustificato l'inizio precoce della terapia con inibitori del checkpoint. ( Xagena2019 )

Ravandi F et al, Lancet Haematology 2019; 6: 480-488

Onco2019 Emo2019 Farma2019


Indietro