Bringhen - Mieloma
Passamonti Neoplasie ematologiche
Arcaini Ematologia
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

Impatto di TP53 sull'esito dei pazienti con mielofibrosi sottoposti a trapianto di cellule staminali ematopoietiche


Le mutazioni di TP53 ( TP53 MT ) sono state associate a esiti sfavorevoli in varie neoplasie ematologiche, ma non esistono dati sul loro ruolo nei pazienti con mielofibrosi sottoposti a trapianto di cellule staminali ematopoietiche ( HSCT ).

Si è approfittato di un'ampia coorte multicentrica internazionale per valutare il ruolo di mutazioni di TP53 in questa impostazione.
Tra i 349 pazienti inclusi, 49 ( 13% ) avevano mutazioni di TP53 rilevabili, di cui 30 mostravano una configurazione multihit.

La frequenza mediana dell'allele variante era del 20.3%. Il rischio citogenetico era favorevole ( 71% ), sfavorevole ( 23% ) e molto alto (6%), con cariotipo complesso presente in 36 pazienti ( 10% ).

La sopravvivenza mediana dei pazienti con mutazioni di TP53 è stata di 1.5 vs 13.5 anni per quelli con TP53 wild-type ( TP53 WT; P inferiore a 0.001 ). Il risultato è stato determinato dalla costellazione di mutazioni di TP53 multihit ( P minore di 0.001 ), che ha mostrato una sopravvivenza a 6 anni del 56% per gli individui con mutazioni di TP53 singlehit vs 25% per quelli con mutazioni di TP53 multihit vs 64% per quelli con TP53 wild type.

L'esito è stato indipendente dagli attuali fattori di rischio specifici del trapianto e dall'intensità del condizionamento.

Allo stesso modo, l'incidenza cumulativa di recidiva è stata del 17% per singlehit vs 52% per multihit vs 21% per TP53 wild type.

In tutto 10 pazienti con mutazioni di TP53 ( 20% ) hanno presentato trasformazione leucemica rispetto a solo 7 ( 2% ) nel gruppo TP53 wild type ( P minore di 0.001 ).
Dei 10 pazienti con mutazioni di TP53, 8 hanno mostrato costellazione multihit.

Il tempo mediano alla trasformazione leucemica è stato più breve per mutazioni di TP53 multihit e singlehit ( rispettivamente 0.7 e 0.5 anni ) rispetto a 2.5 anni per TP53 wild type.

In sintesi, le mutazioni di TP53 multi-hit rappresentano un gruppo ad altissimo rischio nei pazienti con mielofibrosi sottoposti a trapianto di cellule staminali ematopoietiche, mentre le mutazioni di TP53 single-hit da sole hanno mostrato esiti simili ai pazienti con TP53 non mutato, fornendo informazioni per la prognosi, per la sopravvivenza e per la recidiva insieme agli attuali strumenti specifici per il trapianto. ( Xagena2023 )

Gagelmann N et al, Blood 2023; 141: 2901-2911

Emo2023 Onco2023 Med2023



Indietro