Celgene Ematologia
Janssen Oncology
Ematologia Amgen
GSK Ematologia

Implicazioni cliniche del rilevamento della malattia minima residua nei neonati con leucemia linfoblastica acuta con riarrangiamento KMT2A trattata con il protocollo Interfant-06


La leucemia linfoblastica acuta ( ALL ) infantile è caratterizzata da un'elevata incidenza di riarrangiamenti del gene KMT2A e da esiti sfavorevoli.

È stato valutato il valore della malattia minima residua ( MRD ) nei neonati con leucemia linfoblastica acuta con riarrangiamento KMT2A trattati nell'ambito del protocollo Interfant-06, che ha confrontato il consolidamento in stile linfoide ( protocollo IB ) con il consolidamento in stile mieloide ( araC, Daunorubicina, Etoposide / Mitoxantrone, araC, Etoposide ).

La malattia minima residua è stata misurata in 249 neonati mediante PCR ( reazione a catena della polimerasi ) basata sul DNA dei geni KMT2A riarrangiati, immunoglobuline e/o recettori delle cellule T, alla fine dell'induzione ( EOI ) e alla fine del consolidamento ( EOC ).
I risultati della malattia minima residua sono stati classificati come negativi, intermedi [ inferiore a 5 x 10(-4) ] e alti [ superiore o uguale a 5 x 10(-4) ].

I livelli di malattia minima residua alla fine dell'induzione hanno previsto l'esito con sopravvivenza libera da malattia ( DFS ) a 6 anni del 60.2%, 45.0% e 33.8% per i bambini con livelli, alla fine dell'induzione, di malattia minima residua negativi, intermedi e alti, rispettivamente ( P=0.0039 ).

Anche i livelli di malattia minima residua alla fine del consolidamento sono stati predittivi dell'esito, con sopravvivenza libera da malattia a 6 anni del 68.2%, 40.1% e 11.9% per i neonati con livelli, alla fine del consolidamento, di malattia minima residua negativi, intermedi e alti, rispettivamente ( P minore di 0.0001 ).

L'analisi di malattia minima residua alla fine dell'induzione in base al tipo di trattamento di consolidamento ha mostrato che i neonati trattati con consolidamento in stile linfoide avevano una sopravvivenza libera da malattia a 6 anni del 78.2%, 47.2% e 23.2% per livelli di malattia minima residua negativi, intermedi e alti, rispettivamente ( P minore di 0.0001 ), mentre per i pazienti trattati in stile mieloide le percentuali corrispondenti erano 45.0%, 41.3% e 45.9%.

Questo studio supporta l'idea secondo cui la terapia di induzione selezioni i pazienti per la terapia successiva; i neonati con alta malattia minima residua alla fine dell'induzione possono trarre beneficio da un consolidamento AML-like ( DFS 45.9% vs 23.2% ), mentre i pazienti con bassa malattia minima residua alla fine dell'induzione possono trarre beneficio da un consolidamento ALL-like ( DFS 78.2% vs 45.0% ).
I pazienti con malattia minima residua positiva alla fine del consolidamento hanno avuto esiti negativi. ( Xagena2021 )

Stutterheim J et al, J Clin Oncol 2021; 39: 652-662

Emo2021 Onco2021



Indietro