Celgene Ematologia
GSK Ematologia
Ematologia Amgen
Janssen Oncology

Insufficienza ovarica prematura e fertilità a lungo termine nei sopravvissuti a Linfoma di Hodgkin


In una ampia coorte di sopravvissuti al linfoma di Hodgkin con lungo follow-up è stato stimato l'impatto dei regimi di trattamento sull'insorgenza dell'insufficienza ovarica prematura e sulla maternità, compresa la sicurezza della chemioterapia non-alchilante, e la relazione dose-risposta per la chemioterapia alchilante e l'età al trattamento.

Il Questionario Life Situation è stato inviato a 1.700 donne trattate negli studi EORTC ( European Organisation for Research and Treatment of Cancer ) e GELA ( Groupe d'Étude des Lymphomes de l'Adulte ) tra il 1964 e il 2004.

Le donne trattate tra i 15 e i 40 anni, e che, nel corrente, non stavano facendo uso di contraccettivi ormonali, ( n=460 ) sono state selezionate per valutare il verificarsi di insufficienza ovarica prematura.

Il periodo di follow-up medio è stato di 16 anni.

Il rischio cumulativo di insufficienza ovarica prematura, dopo la chemioterapia alchilante, è stato del 60% e solo del 3% dopo chemioterapia non-alchilante ( protocollo ABVD: Doxorubicina, Bleomicina, Vinblastina e Dacarbazina; protocollo EBVP: Epirubicina, Bleomicina, Vinblastina e Prednisone ).

Il rapporto tra chemioterapia alchilante e comparsa di insufficienza ovarica prematura è stato di tipo lineare.

Il rischio di insufficienza ovarica prematura è aumentato del 23% per ogni anno di età al trattamento.

Nelle donne trattate senza chemioterapia alchilante a un'età inferiore ai 32 anni e all'età di 32 anni o maggiore, i rischi cumulativi per la insufficienza ovarica prematura sono stati, rispettivamente, del 3% e 9%.

Se dopo il trattamento le mestruazioni si sono nuovamente presentate, il rischio cumulativo di insufficienza ovarica prematura è risultato indipendente dall'età al trattamento.

Tra le donne che hanno sviluppato insufficienza ovarica prematura, il 22% ha avuto uno o più figli dopo il trattamento, rispetto al 41% delle donne senza questa condizione.

In conclusione, la chemioterapia non-alchilante comporta un rischio da basso a non-eccessivo di insufficienza ovarica prematura.
Le relazioni dose-risposta per la chemioterapia alchilante e l'età al trattamento sono entrambi lineari.
Una pianificazione familiare tempestiva è importante per le donne a rischio di insufficienza ovarica prematura. ( Xagena2012 )

van der Kaaij MAE et al, J Clin Oncol 2012; 30: 291-299


Onco2012 Emo2012 Wndo2012 Gyne2012 Farma2012


Indietro