GSK Ematologia
Celgene Ematologia
Janssen Oncology
Ematologia Amgen

JNJ-4528, una terapia CAR-T diretta a BCMA, nel mieloma multiplo recidivante o refrattario: aggiornamento dello studio CARTITUDE-1


JNJ-68284528 ( JNJ-4528 ) è una terapia CAR-T contenente 2 anticorpi a singolo dominio diretti verso BCMA ( antigene di maturazione delle cellule B ).

Sono stati presentati i risultati aggiornati dello studio di fase 1b CARTITUDE-1 con un più lungo follow-up.

I pazienti soffrivano di mieloma multiplo secondo i criteri IMWG, malattia misurabile; avevano ricevuto in precedenza 3 o più regimi o presentavno doppia refrattarietà a un inibitore del proteasoma ( PI ) e a un immunomodulatore ( IMiD ) e avevano ricevuto anticorpi anti-CD38.
Per la linfodeplezione sono stati impiegati Ciclofosfamide 300 mg/m2 + Fludarabina 30 mg/m2 in 3 giorni per 3 giorni.
JNJ-4528 ( mediana, 0.73x106^ cellule T vitali CAR+ per kg ) è stato somministrato come singola infusione.

La sindrome da rilascio di citochine ( CRS ) è stata classificata secondo Lee et al 2014 e la neurotossicità secondo CTCAE versione 5.0 e classificazione ASTCT.
La risposta è stata valutata secondo i criteri IMWG.

A partire dal 17 gennaio 2020, il follow-up mediano era di 9 mesi ( 3-17 ). L'arruolamento alla fase 1b è stato completato ( n=29 trattati; 5 [ 3–18 ] linee precedenti, il 76% dei pazienti è stato esposto a 5-linee terapeutiche, l'86% presentava tripla refrattarietà, il 31% penta-refrattarietà, il 97% refrattarietà all'ultima linea di terapia ).

Gli eventi avversi più frequenti sono stati neutropenia ( 100% ), sindrome da rilascio di citochine ( 93% ) e trombocitopenia ( 93% ).
Effetti avversi ematologici di grado 3 o maggiore erano: neutropenia ( 100% ), trombocitopenia ( 69% ) e leucopenia ( 59% ).
27 ( 93% ) pazienti hanno sofferto di una sindrome da rilascio di citochine; 25 di grado 1–2, 1 grado 3 e 1 grado 5 ( giorno 99 successivo alla tossicità dose-limitante di CRS di grado 4 prolungato ).
Il tempo mediano all'insorgenza della sindrome CRS è stato di 7 giorni ( 2–12 ). 4 pazienti hanno presentato neurotossicità correlata al trattamento: 3 grado 1-2 e 1 grado 3.

Il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) è stato del 100%, con 22 ( 76% ) risposte complete rigorose ( sCR ), 6 ( 21% ) risposte parziali molto buone ( VGPR) e 1 ( 3% ) risposta parziale.
Il tempo mediano alla risposta completa è stato pari a 2 mesi ( 1–9 ).

26 pazienti su 29 erano liberi da progressione, con un tasso di sopravvivenza PFS a 6 mesi del 93% e la più lunga risposta, in corso, a 15 mesi.

Durante lo studio è stato riportato 1 decesso per sindrome da rilascio di citochine e 1 per leucemia mieloide acuta ( non-correlata al trattamento ).

Tutti e 16 i pazienti ( 14 sCR, 2 VGPR ) valutabili a 6 mesi presentavano una minima malattia residua negativa a 10(5) o 10(6).

L'espansione delle cellule T CAR+ JNJ-4528 ha raggiunto il picco tra il giorno 10 e il 14.

Al follow-up individuale di 6 mesi, 22 pazienti su 28 avevano cellule T CAR+ JNJ-4528 al di sotto del livello di quantificazione ( 2 cellule/µL ) nel sangue periferico, indicando che la persistenza delle CAR-T nel sangue periferico non sembrava correlarsi con la profondità della risposta.
Alla massima espansione, nel sangue periferico è stata osservata un'espansione preferenziale delle cellule CAR-T CD8+ con un fenotipo di memoria centrale.

In conclusione, il trattamento con JNJ-4528 ha prodotto risposte in tutti i pazienti. Queste risposte sono state precoci, profonde e durature con una bassa dose di cellule CAR-T con 26 pazienti su 29 ( 90% ) liberi da progressione al follow-up mediano di 9 mesi.
La sindrome da rilascio di citochine è risultata gestibile nella maggior parte dei pazienti. ( Xagena2020 )

Fonte: American Society of Clinical Oncology ( ASCO ) Virtual Meeting, 2020

Emo2020 Onco2020 Med2020



Indietro