ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

L'espressione di FOXP1 è un biomarcatore prognostico nel linfoma follicolare trattato con Rituximab e chemioterapia


Il linfoma follicolare è una malattia clinicamente e molecolarmente altamente eterogenea, ma la prognosi si basa prevalentemente su strumenti clinici.
Recentemente è stato dimostrato che l'integrazione dello stato di mutazione di 7 geni, tra cui EZH2 e MEF2B, migliora la stratificazione del rischio.

Sono stati estratti i dati di espressione genica per scoprire i geni che sono espressi in modo differenziale nei casi EZH2-mutati e MEF2B-mutati.
I ricercatori si sono concentrati su FOXP1 e ne è stata valutata l’espressione proteica mediante immunoistochimica ( IHC ) in 763 biopsie tissutali.

Per la correlazione dei risultati, sono state utilizzate una coorte di 142 pazienti con linfoma follicolare trattati con Rituximab, Ciclofosfamide, Vincristina e Prednisone ( R-CHOP ), e una coorte di convalida di studi clinici comprendente 395 pazienti trattati con Ciclofosfamide, Doxorubicina, Vincristina e Prednisone ( CHOP ) con o senza Rituximab.

FOXP1 era significativamente sottoregolato nei casi EZH2-mutati e MEF2B-mutati.

All'analisi istochimica, 76 campioni nella coorte di training ( 54% ) avevano una elevata espressione di FOXP1 ( superiore al 10% ), che era associata a ridotti tassi di sopravvivenza libera da fallimento ( FFS ) a 5 anni ( 55% vs 70% ).

Nella coorte di convalida, è stato osservato un alto grado di espressione di FOXP1 in 248 pazienti ( 63% ) ed è stato correlato con sopravvivenza libera da fallimento significativamente più breve nei pazienti trattati con R-CHOP ( hazard ratio, HR=1.95; P=0.017 ) ma non nei pazienti trattati con CHOP ( HR=1.15; P=0.44 ).

L'impatto dell'elevata espressione di FOXP1 sulla sopravvivenza libera da fallimento nei pazienti trattati con immunochemioterapia è stato aggiuntivo al Follicular Lymphoma International Prognostic Index.

Un'alta espressione di FOXP1 è stata associata a caratteristiche molecolari distinte come mutazioni TP53, espressione di IRF4 e firme di espressione genica che ricordano la zona scura del centro germinativo o le cellule B attivate.

In sintesi, FOXP1 è una comunanza fenotipica a valle di mutazioni geniche e predice i risultati dopo regimi contenenti Rituximab. ( Xagena2018 )

Mottok A et al, Blood 2018; 131: 226-235

Emo2018 Onco2018 Farma2018


Indietro