ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Malattia residua minima molecolare nella leucemia mieloide acuta


I pazienti con leucemia mieloide acuta ( AML ) spesso raggiungono la remissione completa, ma i tassi di recidiva rimangono elevati.
Il sequenziamento di nuova generazione consente il rilevamento della malattia molecolare minima residua praticamente in ogni paziente, ma il suo valore clinico per la previsione di recidiva deve ancora essere stabilito.

È stato condotto uno studio su pazienti di età compresa tra 18 e 65 anni che avevano leucemia mieloide acuta di nuova diagnosi.
Il sequenziamento mirato di nuova generazione è stato condotto alla diagnosi e dopo la terapia di induzione, durante la remissione completa.

Gli endpoint erano i tassi di recidiva a 4 anni, la sopravvivenza libera da recidiva e la sopravvivenza globale.

È stata rilevata almeno una mutazione in 430 pazienti su 482 ( 89.2% ). Le mutazioni persistevano nel 51.4% di quei pazienti durante la remissione completa ed erano presenti a varie frequenze alleliche ( dallo 0.02 al 47% ).

La rilevazione di mutazioni persistenti DTA ( cioè mutazioni in DNMT3A, TET2 e ASXL1 ), spesso presenti in persone con ematopoiesi clonale legata all'età, non è stata correlata a un aumento del tasso di recidiva.

Dopo l'esclusione delle mutazioni DTA persistenti, il rilevamento della malattia molecolare minima residua è stato associato a un tasso di recidiva significativamente più alto rispetto a nessun rilevamento ( 55.4% vs 31.9%, hazard ratio, HR=2.14, P minore di 0.001 ), nonché con tassi più bassi di sopravvivenza libera da recidive ( 36.6% vs 58.1%; hazard ratio per recidiva o morte, HR=1.92; P minore di 0.001 ) e sopravvivenza globale ( 41.9% vs 66.1%; hazard ratio per morte, HR=2.06; P minore di 0.001 ).

L'analisi multivariata ha confermato che la persistenza di mutazioni non DTA durante la remissione completa ha conferito un significativo valore prognostico indipendente rispetto alle percentuali di recidiva ( HR=1.89; P minore di 0,001 ), sopravvivenza libera da recidiva ( hazard ratio per recidiva o morte, HR=1.64; P=0.001 ) e sopravvivenza globale ( hazard ratio per morte, HR=1.64; P=0.003 ).

Un confronto del sequenziamento con citometria a flusso per il rilevamento della malattia residua ha mostrato che il sequenziamento ha avuto un significativo valore prognostico additivo.

In conclusione, tra i pazienti con leucemia mieloide acuta, la rilevazione della malattia molecolare minima residua durante la remissione completa ha avuto un valore prognostico indipendente significativo rispetto alle ricadute e ai tassi di sopravvivenza, ma la rilevazione di mutazioni persistenti associate all'ematopoiesi clonale non ha avuto un valore prognostico all'interno di un periodo di 4 anni. ( Xagena2018 )

Jongen-Lavrencic M et al, N Engl J Med 2018; 378: 1189-1199

Emo2018



Indietro