ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Nilotinib e Peginterferone alfa-2a per leucemia mieloide cronica in fase cronica di nuova diagnosi


Nilotinib ( Tasigna ) è ora raccomandato per i pazienti con nuova diagnosi di leucemia mieloide cronica in fase cronica ed è associato a importanti tassi di risposta molecolare 4.5 log (MR4.5), in grado, in prospettiva, di indurre la cessazione della terapia.
Tuttavia, la maggior parte dei pazienti non raggiunge tale criterio e Nilotinib è assunto per lunghi periodi, con conseguenti eventi avversi cronici o a insorgenza tardiva.

Nilotinib combinato con Interferone potrebbe aumentare ulteriormente i tassi di MR4.5, evitare gli effetti collaterali tardivi, e consentire la cessazione della terapia.

In uno studio di fase 2, NiloPeg, è stata valutata la fattibilità, la sicurezza, e la risposta molecolare profonda della combinazione di Nilotinib ( 600 mg al giorno ) e Peginterferone alfa-2a nei pazienti con nuova diagnosi di leucemia mieloide cronica in fase cronica ( CML ).

Uno studio in aperto, non-randomizzato, di fase 2, ha arruolato pazienti adulti ( età a partire da 18 anni ) senza alcuna insufficienza d'organo, con leucemia mieloide cronica BCR-ABL-positiva in fase cronica al momento della diagnosi.

Dopo una procedura di priming con 90 mg a settimana di Peginterferone alfa-2a da solo per un mese, è stato somministrato ai pazienti Peginterferone alfa-2a 45 mg a settimana in combinazione con Nilotinib 600 mg al giorno fino a 24 mesi dopo l’iniziazione con Interferone.

L'endpoint primario era l'incidenza cumulativa di MR4.5 12 mesi dopo l'inizio di Peginterferone alfa-2a.

Nel periodo marzo e settembre 2011 sono stati arruolati 42 pazienti. Un paziente ha ritirato il consenso prima di ricevere un qualsiasi trattamento di studio così è stato escluso dall'analisi; 41 pazienti hanno ricevuto il trattamento con Peginterferone alfa-2a e Nilotinib.

A 12 mesi, 7 ( 17% ) pazienti hanno raggiunto MR4.5.

Eventi avversi ematologici ed epatici sono stati frequenti, con neutropenia di grado 3-4 in 10 ( 24% ) pazienti, trombocitopenia di grado 3-4 in 10 ( 24% ) pazienti, eventi colestatici di grado 3-4 in 7 ( 17% ) pazienti, e innalzamento dei valori di aspartato aminotransferasi [ AST ] o alanina aminotransferasi [ ALT ] di grado 3-4 in 3 ( 7% ) pazienti, in particolare durante i primi 3 mesi.

Tuttavia, 30 pazienti ( 73% ) hanno mantenuto la terapia con Interferone a 1 anno.

Tre eventi cardiaci di grado 3-4 ( 7% dei pazienti; tutte stenosi coronariche ) si sono verificati in momenti temporali successivi.

La combinazione di Peginterferone alfa-2a ha determinato buone risposte molecolari nei pazienti.
Nonostante gli effetti tossici sostanziali, la maggior parte dei pazienti ha mantenuto i farmaci in studio per più di un anno.
Questa combinazione dovrebbe essere testata in uno studio randomizzato controllato. ( Xagena2015 )

Nicolini FE et al, Lancet 2015;2:e37-e46

Emo2015 Onco2015 Farma2015


Indietro