ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Ofatumumab nel trattamento dei pazienti con leucemia linfatica cronica


Nonostante i progressi nel trattamento della leucemia linfatica cronica ( anche detta leucemia linfocitica cronica ), questa malattia rimane in gran parte un tumore maligno incurabile.

Gli analoghi delle purine combinati con anticorpi monoclonali costituiscono la base della terapia per la leucemia linfatica cronica.
Il regime FCR, contenente Fludarabina, Ciclofosfamide e Rituximab ( Rituxan, MabThera ), è diventato lo standard di cura per i pazienti con leucemia linfatica cronica e un buon performance status.
Tuttavia, molti pazienti sviluppano malattia refrattaria alla Fludarabina ( Fludara ).

La terapia con Alemtuzumab ( Campath, MabCampath ) produce risposte in meno della metà dei pazienti con leucemia resistente alla Fludarabina.
Pertanto, c’è necessità di una terapia efficace nei pazienti con malattia refrattaria alla Fludarabina e ad Alemtuzumab.

Ofatumumab ( Arzerra ), noto anche come HuMax-CD20, è un anticorpo monoclonale umano che si lega alla molecola CD20 sulle cellule B maligne e sulle cellule B normali.
Si lega a un diverso determinante antigenico, rispetto a Rituximab, e, si ritiene, in maniera più forte.

Ofatumumab esercita il suo effetto antitumorale attivando la citotossicità complemento-dipendente, nonché la citotossicità cellulare anticorpo-dipendente, con conseguente lisi delle cellule B.

Ofatumumab è stato studiato in uno studio registrativo che ha coinvolto 138 pazienti con leucemia linfatica cronica, che era refrattaria a Fludarabina / Alemtuzumab ( malattia a doppia refrattarietà, n=59 ) o con leucemia linfatica cronica che era refrattaria a Fludarabina con adenopatia voluminosa ( n=79 ).
L'età media dei pazienti arruolati era di circa 63 anni. I pazienti erano stati trattati in precedenza con 4-5 regimi di trattamento ( valore mediano ).

La terapia con Ofatumumab consisteva in una dose iniziale di 300 mg per via endovenosa, seguita da sette dosi settimanali di 2 g, e quindi da quattro dosi mensili di 2 g.

I ricercatori hanno concluso che Ofatumumab offre un'opzione di trattamento attivo per i pazienti con leucemia linfatica cronica refrattaria, in cui altri trattamenti hanno fallito.

Per ridurre il rischio di effetti avversi correlati, il paziente deve essere sottoposto a premedicazione con Paracetamolo, un antistaminico e un glucocorticoide equivalente a 100 mg di Prednisolone ( cioè, Metilprednisolone 80 mg oppure 15 mg di Desametasone ). La dose dei corticosteroidi può essere diminuita gradualmente partendo con la terza dose, nel caso in cui non si manifestino reazioni avverse di grado 3 o 4.

Alcuni degli effetti indesiderati più frequenti osservati con Ofatumumab sono effetti correlati alla infusione; questi includono i sintomi respiratori come dispnea, broncospasmo, edema polmonare ed edema della laringe.
Altri effetti indesiderati osservati sono ipertensione, ipotensione, sincope, ischemia cardiaca, rash, orticaria o febbre.
Questi effetti sono molto più comuni con la prima infusione ( 44% ) e la seconda infusione ( 29% ).
Altri effetti collaterali comuni includono effetti ematologici quali anemia ( 16-17% ) e neutropenia ( 42% ); complicanze infettive ( 70% ), tra cui febbre, sepsi, polmonite, bronchite e tosse.
Inoltre può presentarsi: diarrea, nausea, occlusione intestinale, ed epatite virale.
Raramente è stata riportata, leucoencefalopatia multifocale progressiva. ( Xagena2011 )

Fonte: University of Minnesota Medical Center, 2011

Emo2011 Farma2011


Indietro