Passamonti Neoplasie ematologiche
Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Celgene Ematologia

Prevalenza di gammopatie monoclonali ed esiti clinici in una popolazione ad alto rischio sottoposta a screening mediante spettrometria di massa


Le stime di prevalenza per la gammopatia monoclonale di significato indeterminato ( MGUS ) si basano su popolazioni di studio prevalentemente bianche sottoposte a screening mediante elettroforesi delle proteine ​​sieriche integrata con elettroforesi di immunofissazione.
Una prevalenza del 3% è riportata per MGUS nella popolazione generale di origine europea di età pari o superiore a 50 anni.
La prevalenza di MGUS è due volte maggiore negli individui di origine africana o con una storia familiare di condizioni legate al mieloma multiplo.

Sono state valutate la prevalenza e le implicazioni cliniche delle gammopatie monoclonali in una popolazione statunitense ad alto rischio sottoposta a screening mediante spettrometria di massa quantitativa.

È stata utilizzata la spettrometria di massa MALDI-TOF e il software EXENT-iQ per lo screening e la quantificazione delle gammopatie monoclonali nel siero di 7.622 individui che hanno acconsentito allo studio di screening PROMISE tra il 2019 e il 2021, e la Mass General Brigham Biobank ( MGBB ) tra il 2010 e il 2021.

Le concentrazioni di proteine ​​M al livello di gammopatia monoclonale di potenziale indeterminato ( MGIP ) sono state confermate dal test di cromatografia liquida - spettrometria di massa.

6.305 partecipanti su 7.622 ( 83%; 2.211 da PROMISE, 4.094 da MGBB ) nelle coorti erano ad alto rischio di sviluppare una gammopatia monoclonale sulla base dell’appartenere a etnia nera o di una storia familiare di neoplasie ematologiche e rientravano nella fascia di età ammissibile ad alto rischio ( 30 anni o più per la coorte PROMISE e 18 anni o più per la coorte MGBB ); anche i pazienti di età superiore ai 18 anni erano idonei se avevano due o più familiari con un tumore ematologico ( coorte PROMISE ).
Sono stati esclusi i partecipanti con un tumore maligno delle plasmacellule diagnosticato prima dello screening.
I dati clinici longitudinali erano disponibili per i partecipanti MGBB con un tempo mediano di follow-up dallo screening del campione di siero di 4.5 anni.

L'età media al momento dello screening era di 56.0 anni. 5.013 partecipanti di 7.622 ( 66% ) erano donne, 2.570 ( 34% ) maschi e 39 ( inferiore a 1% ) sconosciuti.
2.439 ( 32% ) si sono autoidentificati come neri, 4.986 ( 65% ) come bianchi, 119 ( 2% ) come altri e 78 ( 1% ) sconosciuti.

Utilizzando l'elettroforesi delle proteine ​​sieriche con l'elettroforesi di immunofissazione, la prevalenza di gammopatia MGUS è stata del 6% ( 101 su 1.714 ) negli individui ad alto rischio di età pari o superiore a 50 anni.
Utilizzando la spettrometria di massa, è stata osservata una prevalenza totale di gammopatie monoclonali del 43% ( 1.788 su 4.207 ) in questo gruppo.

Sono state definite MGIP le gammopatie monoclonali al di sotto del livello di rilevamento dell'elettroforesi dell'immunofissazione clinica ( inferiore a 0.2 g/l ), per differenziarle da quelle con concentrazioni più elevate, denominate gammopatie MGUS, che avevano una prevalenza del 13% ( 592 su 4.207 ) mediante spettrometria di massa in individui ad alto rischio di età pari o superiore a 50 anni.

La gammopatia MGIP era prevalentemente dell'isotipo immunoglobulina M ( IgM ) e la sua prevalenza aumentava con l'età ( 19%, 488 su 2.564, per individui di età inferiore a 50 anni, 29%, 1.464 su 5.058, per quelli di età maggiore o uguale a 50 anni e 37%, 347 su 946, per quelli di età maggiore o uguale a 70 anni ).

La prevalenza di gammopatia MGUS alla spettrometria di massa è aumentata con l'età ( 5%, 127 su 2.564, per gli individui di età minore di 50 anni, 13%, 678 su 5.058, per quelli di età maggiore o uguale a 50 anni e 18%, 173 su 946, per quelli di età maggiore o uguale a 70 anni ) ed era maggiore negli uomini ( 314 su 2.570, 12% ) rispetto alle donne ( 485 su 5.013, 10%; P=0.0002 ), mentre la prevalenza della gammopatia MGIP non è variata significativamente in base al sesso.

Nei soggetti di età pari o superiore a 50 anni, la prevalenza della spettrometria di massa è risultata significativamente più alta nei partecipanti neri ( 224 su 1.356, 17% ) rispetto ai controlli ( P=0.0012 ) ma non in quelli con storia familiare ( 368 su 2.851, 13% ) rispetto ai controlli ( P=0.1008 ).

Le gammopatie monoclonali rilevate allo screening sono state correlate con un aumento della mortalità per qualsiasi causa nei partecipanti MGBB ( hazard ratio, HR= 1.55; P=0.0035 ).
Tutte le gammopatie monoclonali sono state associate a una maggiore probabilità di comorbilità, incluso l'infarto del miocardio ( odds ratio, OR=1.60; P=0.00016 per MGIP alto e 1.39; P=0.015 per MGUS alla spettrometria di massa ).

È stata rilevata un'elevata prevalenza di gammopatie monoclonali, inclusa la MGIP associata all'età, e sono state fatte stime più precise con la MGUS alla spettrometria di massa rispetto ai metodi convenzionali a base di gel.
L'uso della spettrometria di massa ha anche evidenziato il potenziale significato clinico nascosto di MGIP.
Lo studio ha suggerito l'associazione di gammopatie monoclonali con una varietà di fenotipi clinici e una ridotta sopravvivenza globale. ( Xagena2022 )

El-Khoury H et al, Lancet Haematology 2022; 9: 340-349

Emo2022 Onco2022



Indietro