ELN 2018
Janssen Oncology
Roche
Ematobase.it

Previsione del rischio clinico e genetico di compromissione cognitiva dopo trapianto di sangue o midollo per neoplasie ematologiche


Utilizzando un approccio del gene candidato, è stata esaminata l'ipotesi che i singoli polimorfismi a singolo nucleotide ( SNP ) e le varianti a livello genico siano associati a compromissione cognitiva nei pazienti con tumori ematologici trattati con trapianto di sangue o midollo ( BMT ), e che l'inclusione di questi SNP migliori la previsione del rischio oltre a quella offerta dalle caratteristiche cliniche e demografiche.

Nella coorte di scoperta, i destinatari di trapianto BMT sono stati sottoposti a una batteria standardizzata di test neuropsicologici pre-BMT e a 6 mesi, 1 anno, 2 anni e 3 anni post-BMT.
Sono state valutate le associazioni tra 68 geni candidati e il deficit cognitivo.

La coorte di scoperta ha compreso 277 partecipanti ( 58.5% maschi; 68.6% bianchi non-ispanici e 46.6% destinatari di trapianto allogenico BMT ).
Aggiustando per tipo di trapianto BMT, età al trapianto BMT, sesso, etnia e riserva cognitiva, i polimorfismi a singolo nucleotide nella barriera emato-encefalica, l'omeostasi dei telomeri e i geni di riparazione del DNA sono risultati significativamente associati a compromissione cognitiva.

Rispetto al modello clinico, il modello combinato presentava una maggiore potenza predittiva sia nella coorte di scoperta ( area media sotto la curva: ROC AUC 0.89; P=1.24 x 10−9 ) che nella coorte di replicazione ( AUC 0.71; P=0.004 ).

L'inclusione delle varianti genetiche candidate ha migliorato la previsione del rischio di compromissione cognitiva post-BMT oltre a quella offerta dalle caratteristiche demografiche / cliniche e rappresenta un passo verso un approccio personalizzato alla gestione dei pazienti ad alto rischio di compromissione cognitiva dopo trapianto di midollo osseo. ( Xagena2020 )

Sharafeldin N et al, J Clin Oncol 2020; 38: 1312-1321

Emo2020 Onco2020 Neuro2020



Indietro