ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Profondità e durata della risposta a Ibrutinib nella leucemia linfatica cronica


La sicurezza e l'efficacia di Ibrutinib ( Imbruvica ) al dosaggio di 420 mg nella leucemia linfatica cronica ( CLL ) sono state valutate in uno studio di fase 2; 51 pazienti avevano un’aberrazione TP53 ( coorte TP53 ) e 35 sono stati arruolati a partire dai 65 anni di età ( coorte anziana ).

Entrambe le coorti includevano pazienti con leucemia linfatica cronica naive-al-trattamento, e malattia recidivata / refrattaria.

Con un follow-up mediano di 4.8 anni, i pazienti rimasti nello studio sono stati 49 su 86, pari al 57.0%.

Il trattamento è stato interrotto per malattia progressiva in 20 pazienti ( 23.3% ) e per eventi avversi in 5 ( 5.8% ).

La fibrillazione atriale si è verificata in 18 pazienti (20.9%) per un tasso di 6.4 per 100 anni-paziente.

Non si sono verificati gravi sanguinamenti.

Il tasso di risposta globale a 6 mesi, endpoint primario dello studio, è stato del 95.8% per la coorte TP53 e del 93.9% per la coorte anziana.
La profondità della risposta è migliorata nel tempo: alla migliore risposta, 14 su 48 pazienti ( 29.2% ) nella coorte TP53 e 9 su 33 ( 27.3% ) nella coorte anziana hanno ottenuto una risposta completa.

La malattia minima residua ( MRD ) mediana nel sangue periferico è stata pari a 3.8 x 10-2 a 4 anni, con remissioni MRD-negative ( inferiore a 10-4 ) in 5 pazienti ( 10.2% ).

Nella coorte TP53, la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) stimata a 5 anni è stata del 74.4% nella leucemia naive-al-trattamento, rispetto al 19.4% nella leucemia recidivata / refrattaria ( P=0.0002 ), e la sopravvivenza globale ( OS ) è stata dell'85.3% versus il 53.7%, rispettivamente ( P=0.023 ).

Nella coorte anziana, la sopravvivenza libera da progressione e la sopravvivenza globale a 5 anni nella leucemia linfatica cronica sono state, rispettivamente, pari a 64.8% e 71.6%, e nessun evento si è verificato nella leucemia linfatica cronica naive-al-trattamento.

La somministrazione nel lungo periodo di Ibrutinib è stata ben tollerata e ha fornito un controllo duraturo della malattia nella maggior parte dei pazienti. ( Xagena2018 )

Ahn IE et al, Blood 2018; 131: 2357-2366

Onco2018 Emo2018 Farma2018


Indietro