ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Radioimmunoterapia frazionata anti-CD22 di consolidamento con 90Y-Epratuzumab tetraxetano dopo R-CHOP nei pazienti anziani con linfoma diffuso a grandi cellule B


La radioimmunoterapia rappresenta una opzione potenziale come consolidamento dopo la chemioimmunoterapia nei pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B che non sono candidati al trapianto.
Sono state valutate l'attività e la tossicità della radioimmunoterapia frazionata usando 90Y-Epratuzumab tetraxetano anti-CD22 come consolidamento dopo la chemioimmunoterapia di induzione di prima linea nei pazienti anziani non-trattati con linfoma diffuso a grandi cellule B.

È stato effettuato uno studio prospettico a gruppo singolo di fase 2 in Francia, con pazienti reclutati da 17 ospedali.
I pazienti ammissibili erano di età compresa tra 60 e 80 anni con linfoma diffuso a grandi cellule B CD20-positivo in stadio bulky 2-3 o in stadio 3-4, non-trattati in precedenza e non-idonei al trapianto.

I pazienti hanno ricevuto 6 cicli di R-CHOP ( Rituximab 375 mg/m2, Ciclofosfamide 750 mg/m2, Doxorubicina 50 mg/m2 e Vincristina 1.4 mg/m2 fino a 2 mg tutti al giorno 1 e Prednisone 40 mg/m2 ogni giorno per 5 giorni ), somministrati ogni 14 giorni.
6-8 settimane dopo R-CHOP, i responder hanno ricevuto due dosi di 15 mCi/m2 ( 555 MBq/m2 ) di Epratuzumab tetraxetano Ittrio-90 somministrato a distanza di 1 settimana.

L'endpoint primario era la sopravvivenza a 2 anni senza eventi in tutti i pazienti ammissibili registrati che avevano ricevuto almeno un giorno di trattamento; l'analisi di sicurezza è stata fatta nella stessa popolazione.

Tra il 2008 e il 2010 sono stati reclutati 75 pazienti, di cui 4 ( 5% ) sono stati esclusi dopo la revisione della patologia; quindi, 71 pazienti ( 95% ) sono stati inclusi nell'analisi.
Tutti i pazienti hanno iniziato il trattamento di induzione; 57 ( 80% ) hanno ricevuto la radioimmunoterapia.

Con un follow-up mediano di 37 mesi, la stima di sopravvivenza a 2 anni senza eventi è stata del 75%.

La tossicità radioimmunoterapica è stata rappresentata da trombocitopenia di grado 3-4 in 48 pazienti su 57 ( 84% ) e la neutropenia in 45 su 57 ( 79% ).
Un paziente ha sviluppato sindrome mielodisplastica 28 mesi dopo la radioimmunoterapia e un paziente ha sviluppato leucemia mieloide acuta 5 mesi dopo la radioimmunoterapia.

La radioimmunoterapia frazionata con 90Y-Epratuzumab tetraxetano potrebbe essere appropriata per il consolidamento della risposta dopo la chemioterapia di induzione nei pazienti anziani con linfoma diffuso a grandi cellule B, ma sono necessari ulteriori studi comparativi. ( Xagena2017 )

Kraeber-Bodere F et al, Lancet Haematology 2017; 4: e35-e45

Emo2017 Onco2017 Farma2017


Indietro