ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Rischio di leucemia dopo chemioterapia antitumorale


Negli ultimi decenni i progressi terapeutici hanno migliorato i tassi di sopravvivenza dei pazienti per alcuni tipi di tumori; tuttavia, alcuni pazienti rimangono a rischio di sviluppare leucemia correlata al trattamento, secondo i risultati di uno studio pubblicato sulla rivista Blood.

La chemioterapia è spesso un trattamento altamente efficace per il tumore, ma alcuni farmaci hanno anche dimostrato in una serie di studi di aumentare il rischio di leucemia mieloide acuta correlata alla terapia, una condizione rara, ma spesso fatale.

Per determinare in che modo il rischio di leucemia mieloide acuta correlata al trattamento si sia evoluto nel tempo tra i pazienti con tumore sottoposti a chemioterapia, i ricercatori del National Cancer Institute ( NCI ) hanno preso in esame i dati dei registri tumori SEER ( Surveillance, Epidemiology, and End Results ), individuando i pazienti di età 20-84 anni con diagnosi di cancro ( di qualsiasi tipo ) tra il 1975 e il 2008, e che sono stati trattati con la chemioterapia. Inoltre, i file dei dati SEER sono stati esaminati per determinare altri parametri collegati al rischio di leucemia mieloide acuta terapia-correlata ( primo tipo di cancro, tempo dalla diagnosi, età alla diagnosi ).

Tra i 426.068 pazienti i cui dati erano eleggibili per l'analisi, i ricercatori hanno trovato 801casi di leucemia mieloide cronica trattamento-correlata, con un’incidenza quasi cinque volte superiore rispetto al numero di casi attesi nella popolazione generale.

Per spiegare i cambiamenti nel rischio relativo nel corso del tempo, i ricercatori hanno confrontato le tendenze dei dati con l'evoluzione delle raccomandazioni per il trattamento e le scoperte terapeutiche come descritto nella letteratura medica.
Mentre le informazioni del paziente nel database SEER non avevano incluso i dati sui farmaci o su specifici dosaggi, i trend di incidenza sono risultati in linea con il cambiamento delle pratiche di trattamento e le tossicità associate con alcune chemioterapie. In particolare, la percentuale di pazienti sottoposti a chemioterapia, sia con radioterapia sia senza, è aumentata durante il periodo di studio per molti tumori maligni.

Quando i ricercatori hanno confrontato i rischi di leucemia mieloide cronica terapia-correlata con le tendenze nel trattamento del cancro nel corso del tempo, hanno analizzato diversi fattori che probabilmente hanno contribuito alle differenze di rischio tra i pazienti, tra cui il tipo di cancro diagnosticato e l'anno di diagnosi.
Ad esempio, il rischio per le pazienti con cancro al seno ( che ha riguardato circa un terzo dei casi di leucemia mieloide cronica nello studio ) sono risultate correlate alle variazioni dei protocolli di trattamento del tumore alla mammella nel corso degli ultimi decenni; ciò indica che la diminuzione del rischio di leucemia associata al trattamento, osservata tra le donne sopravvissute al carcinoma mammario nel 1980, potrebbe essere attribuibile a un maggiore utilizzo della chemioterapia a base di Ciclofosfamide ( Endoxan ), che ha una minore probabilità di causare la leucemia rispetto ai precedenti trattamenti.

Un simile declino del rischio è stato osservato tra i pazienti con tumore ovarico, probabilmente correlato a un cambiamento della chemioterapia, passando dal Melfalan, un chemioterapico che ha dimostrato di innescare la leucemia, a una chemioterapia a base di Platino meno tossica.

Al contrario, i rischi di leucemia mieloide cronica associata al trattamento sono aumentati nel corso degli ultimi decenni, tra i pazienti trattati con la chemioterapia per il linfoma non-Hodgkin ( NHL ), probabilmente a causa di miglioramenti nella sopravvivenza per i pazienti che hanno ricevuto cicli terapeutici ripetuti.

I ricercatori hanno anche identificato nuovi elevati rischi di leucemia mieloide cronica terapia-correlata per i pazienti sottoposti a chemioterapia a partire dal 2000 per tumore dell’esofago, ano, tumori del collo dell'utero e della prostata, e dal 1990 per i tumori delle ossa / articolazioni, tumori dell'endometrio; rischi che potrebbero essere potenzialmente correlati al maggior utilizzo della chemioterapia negli ultimi anni.
I pazienti con diagnosi di mieloma devono ancor oggi affrontare alcuni dei più alti rischi di leucemia mieloide cronica terapia-correlata, forse a causa del continuo uso di Melfalan ( Alkeran ).

L'analisi dei dati ha inoltre rilevato, per molti pazienti, che il rischio relativo di leucemia mieloide cronica associata alla terapia tende a diminuire con il tempo. Per i pazienti con neoplasie non-ematologiche, non vi è stata alcuna evidenza di più elevati rischi dopo 10 anni dalla diagnosi, mentre i rischi persistono più di 10 anni dopo la diagnosi per i pazienti con linfoma di Hodgkin, linfoma non-Hodgkin, e mieloma. L’accresciuto rischio di leucemia mieloide cronica associata alla terapia fra questi pazienti potrebbe essere correlato alla maggiore intensità e alla più lunga durata del trattamento. ( Xagena2013 )

Fonte: American Society of Hematology, 2013

Onco2013 Rmo2013 Farma2013


Indietro