Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Passamonti Neoplasie ematologiche
GSK Ematologia

Rischio di leucemia mieloide acuta e sindromi mielodisplastiche dopo mieloma multiplo e gammopatia monoclonale di significato indeterminato


Utilizzando i dati della popolazione svedese, sono stati identificati tutti i pazienti con mieloma multiplo ( n=8.740 ) e 5.652 pazienti con gammopatia monoclonale di significato indeterminato ( MGUS ) diagnosticati tra il 1986 e il 2005.

Sono stati calcolati i tassi di incidenza standardizzati ( SIR ) per tutte le neoplasie ematologiche e non-ematologiche per i pazienti, rispettivamente, con mieloma multiplo diagnosticato prima/dopo il 1995 ( introduzione di alte dosi di Melfalan / trapianto di cellule staminali autologhe, HDM-ASCT ) e il 2000 ( introduzione di farmaci immunomodulanti ).

I pazienti con mieloma multiplo hanno avuto un aumento del rischio di leucemia mieloide acuta / sindromi mielodisplastiche di 11.51 volte; il rischio è stato molto simile prima/dopo il 1995 e il 2000, rispettivamente.

I pazienti con gammopatia monoclonale di significato indeterminato hanno avuto un rischio maggiore di leucemia mieloide acuta / sindromi mielodisplastiche di 8.01 volte.
Il rischio è stato limitato a IgG/IgA, mentre nessun paziente con gammopatia monoclonale IgM ha sviluppato leucemia mieloide acuta / sindrome mielodisplastica; i pazienti con concentrazioni di proteina monoclonale ( proteina M ) maggiori a 1.5 g/dl ( SIR=11.12; 3.61-25.96 ) hanno avuto un rischio maggiore rispetto a quelli con concentrazioni inferiori a 1.5 g/dl ( SIR=4.67 ).

Un eccesso di rischio di tumore cutaneo non-melanoma è stato osservato a seguito sia di mieloma multiplo ( SIR=2.22 ) che di gammopatia monoclonale di significato indeterminato ( SIR=3.30 ).

Queste nuove osservazioni di un maggiore rischio di leucemia mieloide acuta / sindrome mielodisplastica dopo gammopatia monoclonale di significato indeterminato IgG/IgA ( ma non IgM ) e il più elevato rischio associato a concentrazioni di proteina-M maggiori a 1.5 g/dl, supportano un ruolo dei fattori non-collegati al trattamento nelle discrasie delle cellule plasmatiche.

Il rischio di leucemia mieloide acuta / sindrome mielodisplastica dopo mieloma multiplo è stato lo stesso prima / dopo l'introduzione di trapianto di cellule staminali autologhe / Melfalan ad alto dosaggio.

Un più lungo follow-up è necessario per caratterizzare i rischi di un secondo tumore nell'era dei farmaci immunomodulanti. ( Xagena2011 )

Mailankody S et al, Blood 2011; 118: 4086-4092


Emo2011 Onco2011



Indietro