ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Rischio di un secondo tumore primario a seguito di neoplasia mieloide e rischio di neoplasia mieloide come secondo tumore primario


Sebbene i progressi nel trattamento delle neoplasie mieloidi abbiano portato a una migliore sopravvivenza del paziente, questo miglioramento è stato accompagnato da un aumento del rischio di un secondo tumore primario, ossia, il rischio di un altro tumore dopo la neoplasia mieloide.

Sono state valutate le associazioni bidirezionali tra tumori mieloidi e altri tumori, cioè lo sviluppo di un secondo tumore primario in pazienti che avevano precedentemente avuto un tumore mieloide, e i rischi di neoplasia mieloide in pazienti che avevano precedentemente avuto un altro tumore, per fornire informazioni sui possibili meccanismi al di là degli effetti collaterali del trattamento e dei fattori di rischio condivisi.

Utilizzando il database svedese sui tumori familiari, sono stati identificati 35.928 individui con tumore mieloide primario, tra cui neoplasie mieloproliferative, leucemia mieloide acuta, leucemia mieloide cronica e sindrome mielodisplastica diagnosticata tra il 1958 e il 2015.

L'endpoint primario era la valutazione dei rischi relativi ( RR ) per il secondo tumore primitivo.

Tra il 1958 e il 2015, il rischio relativo complessivo di secondi tumori primari è aumentato significativamente dopo leucemia mieloide acuta ( RR=1.29 ), leucemia mieloide cronica ( RR=1.52 ), sindrome mielodisplastica ( RR=1.42 ) e tutte le neoplasie mieloproliferative ( RR=1.37 ) relativamente all'incidenza di questi tumori come primo tumore primario.

Con la neoplasia mieloide come secondo tumore primario, i rischi sono significativamente aumentati per la leucemia mieloide acuta ( RR=1.57 ), la leucemia mieloide cronica ( RR=1.26 ) e la sindrome mielodisplastica ( RR=1.54 ) relativamente all'incidenza di queste neoplasie mieloidi come primi tumori primari.

I rischi relativi di cancro del tratto aerodigestivo superiore, cancro cutaneo a cellule squamose, e linfoma non-Hodgkin come secondi tumori primari sono risultati aumentati dopo tutti e quattro i tipi di neoplasia mieloide rispetto alla loro incidenza come primi tumori primari.
Elevati rischi di sindrome mielodisplastica e leucemia mieloide acuta come secondi tumori primari sono stati trovati dopo tumori ematologici ( RR tra 5.08 e 10.04 ).

I rischi relativi di secondo tumore primario sono importanti per la gestione a lungo termine dei pazienti con tumori mieloidi.
Le associazioni bidirezionali dei tumori mieloidi con molti altri tumori suggeriscono un certo numero di meccanismi candidati che potrebbero contribuire allo sviluppo e all'eziologia di un secondo tumore primario.
Questi meccanismi potrebbero includere la disfunzione immunitaria o gli effetti del trattamento e questi dovrebbero essere valutati nelle indagini future. ( Xagena2018 )

Chattopadhyay S et al, Lancet Haematol 2018; 5: e.368-e.377

Onco2018 Emo2018



Indietro