ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Rituximab come seconda linea per la trombocitopenia immune degli adulti


La trombocitopenia immune è caratterizzata da distruzione immuno-mediata e produzione non-ottimale di piastrine.
Nonostante l'assenza di elementi di prova, Rituximab ( MabThera ) è spesso utilizzato off-label in pazienti con trombocitopenia immune.

Uno studio ha valutato l'efficacia di Rituximab rispetto a placebo come trattamento risparmiante la splenectomia in pazienti precedentemente trattati con corticosteroidi.

In questo studio multicentrico, controllato con placebo, randomizzato, in doppio cieco, sono stati arruolati pazienti adulti ( età a partire da 18 anni ) che non avevano risposto ai corticosteroidi con trombocitopenia immune primaria e conta piastrinica inferiore a 30 x 10(9) piastrine per litro.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a quattro infusioni settimanali di 375 mg/m2 di Rituximab oppure placebo.
Il trattamento concomitante con corticosteroidi è stato consentito solo nel corso dello studio.

L'endpoint primario era il tasso di fallimento del trattamento entro 78 settimane ( composito di splenectomia o criteri raggiunti per la splenectomia dopo 12 settimane se la splenectomia non era stata effettuata ), valutato in tutti i pazienti che avevano ricevuto almeno una dose del trattamento in studio.
Gli endpoint secondari erano i tassi di risposta, i tassi di recidiva e la durata della risposta.
Gli endpoint di efficacia sono stati valutati con il metodo di Kaplan-Meier.
Gli endpoint di sicurezza sono stati valutati in tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose.

Tra il 2006 e il 2011 sono stati arruolati 112 pazienti. 32 pazienti su 55 ( 58% ) nel gruppo Rituximab e 37 pazienti su 54 ( 69% ) nel gruppo placebo hanno presentato fallimento del trattamento nell’arco di 78 settimane ( incidenza cumulativa di Kaplan-Meier del 46% per Rituximab vs 52% per placebo; hazard ratio, HR=0.89; P=0.65 ).

L'incidenza cumulativa di risposta complessiva è stata dell'81% nel gruppo Rituximab rispetto al 73% nel gruppo placebo ( P=0.15 ) e la risposta completa è stata del 58% nel gruppo Rituximab rispetto al 50% nel gruppo placebo ( P=0.12 ).

Tra i pazienti che hanno raggiunto una risposta globale, il 68% nel gruppo Rituximab è andato incontro a recidiva e il 78% nel gruppo placebo ha presentato una recidiva, e tra coloro che hanno raggiunto una risposta completa, il 50% nel gruppo Rituximab e il 62% nel gruppo placebo sono andati incontro a una recidiva.

Il tempo alla recidiva nel gruppo Rituximab è stato maggiore nei pazienti che hanno ottenuto una risposta globale ( 36 vs 7 settimane; P=0.01 ), ma non una risposta completa ( 76 vs 49 settimane; P=0.19 ).

I tassi di emorragia sono stati simili nei due gruppi ( 21, 38% nel gruppo Rituximab vs 27, 50% nel gruppo placebo; P=0.08 ) così come lo sono stati i tassi di infezione ( 22, 40% vs 13, 24%; P=0.09 ).

Nonostante non ci sia stata alcuna riduzione nel tasso di fallimento del trattamento a lungo termine con Rituximab, non si può escludere un piccolo beneficio, come suggerito da una durata apparentemente più lunga della risposta e da tassi di risposta numericamente superiori con Rituximab. ( Xagena2015 )

Ghanima W et al, Lancet 2015;385:1653-1661

Emo2015 Farma2015


Indietro