ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Rituximab promuove la risposta a lungo termine nei pazienti con immunodistruzione delle piastrine


Una nuova analisi ha concluso che Rituximab ( MabThera ), un farmaco comunemente usato per il trattamento di tumori ematici, porta a risposte terapeutiche della durata di almeno 5 anni in circa un quarto dei pazienti con bassa conta piastrinica e rischio di sanguinamento dovuto a porpora trombocitopenica immune cronica ( PTI ).

I ricercatori del Weill Cornell Medical College hanno fornito sulla rivista Blood i primi dati di esito a lungo termine per i pazienti con porpora trombocitopenica immune cronica trattati con Rituxamab.

La porpora trombocitopenica immune è un disturbo della coagulazione in cui il sistema immunitario distrugge le piastrine, provocando sanguinamento eccessivo e ampi lividi.

Le comuni opzioni di trattamento per aumentare la conta piastrinica nella maggior parte dei pazienti con porpora trombocitopenica immune includono terapie con corticosteroidi, utilizzati per sopprimere il sistema immunitario del paziente al fine di portare la conta piastrinica alla normalità; splenectomia per arrestare la distruzione delle piastrine ricoperte da autoanticorpi; più di recente agenti trombopoietina-mimetici ( TPO-mimetici ) per contribuire a stimolare la produzione di piastrine.

Sebbene questi trattamenti abbiano avuto successo in molti pazienti, tutti sono associati a effetti collaterali: i corticosteroidi sono associati a perdita di massa ossea, cataratta e altre gravi tossicità con l'impiego a lungo termine; la splenectomia può aumentare il rischio di infezioni; gli agenti TPO-mimetici possono provocare coaguli ematici e la loro risposta a lungo termine non è ben studiata.

Oltre agli effetti collaterali segnalati, alcuni pazienti con porpora trombocitopenica immune smettono di rispondere o hanno una risposta insufficiente a queste terapie.

Più di 10 anni fa, i ricercatori hanno identificato Rituximab come trattamento alternativo per i pazienti con porpora trombocitopenica immune cronica non-responder al trattamento.
Rituximab distrugge in modo specifico le cellule B, responsabili della produzione di anticorpi che ricoprono le piastrine e portano alla loro distruzione, con una bassa tossicità e una diminuzione del rischio di infezioni rispetto ad altri trattamenti.

Studi precedenti avevano dimostrato che il trattamento con Rituximab ha prodotto conte piastriniche normalizzate; in alcuni pazienti con porpora trombocitopenica immune cronica la normalizzazione è durata per un periodo superiore a 1 anno.

Tuttavia, nonostante questi risultati incoraggianti, mancavano dati a lungo termine.

Utilizzando un follow-up più lungo e il più grande numero possibile di responder al farmaco, lo studio ha cercato di determinare gli esiti di bambini e adulti con porpora trombocitopenica immune cronica trattati con Rituximab 3, 4 e 5 anni dopo.

In questo studio di follow-up sono stati revisionati 18 studi clinici di valutazione del trattamento con Rituximab nei bambini e negli adulti con porpora trombocitopenica immune e sono stati calcolati i tassi di risposta iniziali e a un anno per 138 pazienti trattati nel periodo 2000-2007 da 7 Centri clinici negli Stati Uniti e in Europa.

Sono stati inclusi nella analisi a lungo termine 72 adulti con risposta in corso a 1 anno dal primo trattamento e 66 bambini con risposta parziale o completa di qualsiasi durata.

Sono stati calcolati i tassi di risposta a 5 anni del 26% per i bambini e del 21% per gli adulti.
Sono state anche analizzate le relazioni di altre variabili cliniche in risposta al Rituximab e non sono state trovate differenze negli esiti a 5 anni nei bambini e negli adulti che erano stati sottoposti a una precedente splenectomia rispetto a quelli che non l’avevano subita.

L’età, il sesso, la precedente durata della porpora trombocitopenica immune e la risposta ad altri trattamenti non erano predittivi della durata della risposta.

I risultati di questo studio hanno fornito a medici e pazienti aspettative precise e realistiche sugli effetti a lungo termine di Rituximab e sul suo potenziale per diventare un trattamento di prima linea per la porpora trombocitopenica immune.
Il passo successivo sarà quello di cercare di aumentare l'effetto di Rituximab ad esempio combinandolo con Desametasone, una comune terapia steroidea. ( Xagena2012 )

Fonte: American Society of Hematology, 2012



Emo2012 Farma2012


Indietro