Janssen Oncology
ELN 2018
Roche Ematologia
Ematobase.it

Terapia con cellule CAR-T KTE-X19 nel linfoma mantellare recidivante o refrattario


I pazienti con linfoma a cellule del mantello recidivante o refrattario che hanno progressione della malattia durante o dopo il ricevimento della terapia con inibitore della tirosin-chinasi di Bruton ( BTK ) hanno una prognosi sfavorevole.
KTE-X19, una terapia con cellule CAR-T anti-CD19, può dare benefici nei pazienti con linfoma mantellare recidivante o refrattario.

In uno studio multicentrico di fase 2, è stato valutato KTE-X19 in pazienti con linfoma mantellare recidivato o refrattario.
I pazienti avevano una malattia recidivata o refrattaria dopo aver ricevuto fino a 5 terapie precedenti; tutti i pazienti dovevano aver ricevuto in precedenza una terapia con inibitori BTK.

I pazienti sono stati sottoposti a leucaferesi e terapia a ponte opzionale, seguita da chemioterapia di condizionamento e da una singola infusione di KTE-X19 alla dose di 2 x 10(6) cellule CAR-T per kg di peso corporeo.

L'endpoint primario era la percentuale di pazienti con una risposta obiettiva [ ORR ] ( risposta completa o parziale ) valutata da un Comitato di revisione radiologica indipendente secondo la classificazione di Lugano.
Secondo il protocollo, l'analisi di efficacia primaria doveva essere condotta dopo che 60 pazienti erano stati trattati e seguiti per 7 mesi.

In totale sono stati arruolati 74 pazienti.

KTE-X19 è stato prodotto per 71 pazienti e somministrato a 68. L'analisi di efficacia primaria ha mostrato che il 93% dei 60 pazienti nell'analisi di efficacia primaria ha avuto una risposta obiettiva; il 67% ha avuto una risposta completa.

In un'analisi intention-to-treat che ha coinvolto tutti e 74 i pazienti, l'85% ha avuto una risposta obiettiva; il 59% ha avuto una risposta completa.

A un follow-up mediano di 12.3 mesi, il 57% di 60 pazienti nell'analisi di efficacia primaria era in remissione.

A 12 mesi, la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) stimata e la sopravvivenza globale ( OS ) sono state rispettivamente del 61% e dell'83%.

Gli eventi avversi comuni di grado 3 o superiore sono stati citopenie ( 94% dei pazienti ) e infezioni ( 32% ).
Si sono verificati sindrome da rilascio di citochine di grado 3 o superiore ed eventi neurologici rispettivamente nel 15% e nel 31% dei pazienti; nessun evento è stato fatale.
Si sono verificati due eventi avversi infettivi di grado 5.

KTE-X19 ha indotto remissioni durature nella maggior parte dei pazienti con linfoma mantellare recidivante o refrattario.
La terapia ha portato a effetti tossici gravi e potenzialmente letali coerenti con quelli riportati con altre terapie con cellule CAR-T. ( Xagena2020 )

Wang M et al, N Engl J Med 2020; 382: 1331-1342

Emo2020 Onco2020 Med2020



Indietro