Janssen Oncology
GSK Ematologia
Ematologia Amgen
Celgene Ematologia

Terapia di mantenimento con Azacitidina orale per la leucemia mieloide acuta in prima remissione


Sebbene la chemioterapia di induzione porti alla remissione in molti pazienti anziani con leucemia mieloide acuta ( AML ), la recidiva è comune e la sopravvivenza globale è scarsa.

È stato condotto uno studio di fase 3, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo della formulazione orale di Azacitidina ( Onureg; CC-486, un agente ipometilante che non è bioequivalente dell'Azacitidina iniettabile ) come terapia di mantenimento in pazienti con leucemia mieloide acuta che erano in remissione dopo chemioterapia intensiva.

I pazienti di età pari o superiore a 55 anni, in remissione completa con o senza recupero completo della conta ematica e non-candidati al trapianto di cellule staminali ematopoietiche sono stati assegnati in modo casuale a ricevere CC-486 300 mg oppure placebo una volta al giorno per 14 giorni per un ciclo di 28 giorni.

L'endpoint primario era la sopravvivenza globale. Gli endpoint secondari includevano la sopravvivenza senza recidive e la qualità di vita correlata alla salute.

In totale 472 pazienti sono stati sottoposti a randomizzazione; 238 sono stati assegnati al gruppo CC-486 e 234 al gruppo placebo.
L'età media era di 68 anni. La sopravvivenza globale mediana dal momento della randomizzazione è risultata significativamente più lunga con CC-486 rispetto al placebo ( 24.7 mesi e 14.8 mesi, rispettivamente; P minore di 0.001 ).

Anche la sopravvivenza mediana libera da recidiva è risultata significativamente più lunga con CC-486 rispetto al placebo ( 10.2 mesi e 4.8 mesi, rispettivamente; P minore di 0.001 ).
I benefici di CC-486 in merito alla sopravvivenza globale e libera da recidiva sono stati mostrati nella maggior parte dei sottogruppi definiti in base alle caratteristiche di base.

Gli eventi avversi più comuni in entrambi i gruppi sono stati eventi gastrointestinali di grado 1 o 2. Gli eventi avversi di grado 3 o 4 comuni sono stati neutropenia ( nel 41% dei pazienti nel gruppo CC-486 e nel 24% dei pazienti nel gruppo placebo ) e trombocitopenia ( nel 22% e 21%, rispettivamente ).
La qualità di vita correlata alla salute complessiva è stata preservata durante il trattamento con CC-486.

La terapia di mantenimento con CC-486 è risultata associata a una sopravvivenza globale e libera da recidive significativamente più lunga rispetto al placebo tra i pazienti anziani con leucemia mieloide acuta che erano in remissione dopo la chemioterapia.
Gli effetti collaterali sono stati principalmente sintomi gastrointestinali e neutropenia.
Le misure di qualità della vita sono state mantenute durante il trattamento. ( Xagena2020 )

Wei AH et al, N Engl J Med 2020; 383: 2526-2537

Emo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro