ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Tripla terapia intratecale da sola con omissione delle radiazioni craniche in bambini con leucemia linfoblastica acuta


Per eliminare gli effetti tossici e le conseguenze della irradiazione cranica ( CrRT ) e per ridurre al minimo l'impatto negativo della puntura lombare traumatica con blasti, è stato condotto uno studio prospettico di una terapia mirata al sistema nervoso centrale modificata in bambini con leucemia linfoblastica acuta ( ALL ).

Da giugno 1999, i bambini con nuova diagnosi di leucemia linfoblastica acuta sono stati trattati con la terapia intratecale tripla ( TIT ) da sola senza irradiazione cranica.
La prima terapia intratecale tripla è stata ritardata fino alla scomparsa dei blasti dal sangue periferico fino a 10 giorni di induzione multi farmacologica, e l’irradiazione cranica è stata omessa in tutti i pazienti.
Se rimanevano blasti nel sangue periferico nel giorno di trattamento 10 ( D10 ) veniva poi eseguita la terapia intratecale tripla.

Su un totale di 156 pazienti, 152 erano eleggibili. 17 pazienti non avevano blasti nel sangue periferico al momento della diagnosi.

Tre quarti dei pazienti rimanenti hanno raggiunto la clearance completa da blasti nel sangue periferico da D10. Solo l’iperleucocitosi alla diagnosi ha mostrato un tasso di clearance significativamente inferiore.

6 pazienti a rischio standard sono diventati a elevato rischio a causa di blasti nel sangue periferico rilevabili in D10.

Casi di puntura lombare traumatica si sono verificati in 4 pazienti ( 2.6% ), ma nessuno è stato contaminato da linfoblasti.
Né CNS-2 ( meno di 5 leucociti/microl con blasti in un campione non-traumatico ) né CNS-3 ( 5 o più leucociti/microl con blasti in un campione non-traumatico o la presenza di paralisi del nervo cranico ) erano presenti.

La sopravvivenza libera da eventi a 5 anni e i tassi di sopravvivenza globale sono stati, rispettivamente, pari a 84.2% e 90.6%.

Nessun evento di recidiva isolato relativo al sistema nervoso centrale si è verificato, ma 2 pazienti hanno avuto recidive combinate relative al sistema nervoso centrale.
Il rischio cumulativo a 7 anni di qualsiasi ricaduta relativa al sistema nervoso centrale è stato pari a 1.4%.

In conclusione, ritardare la prima terapia intratecale tripla fino all’eliminazione dei blasti circolanti può migliorare il controllo del sistema nervoso centrale in bambini con nuova diagnosi di leucemia linfoblastica acuta e precludere la necessità di irradiazione cranica. ( Xagena2014 )

Liu HC et al, J Clin Oncol 2014;32:1825-1829

Onco2014 Emo2014 Pedia2014 Farma2014


Indietro