Bringhen - Mieloma
Arcaini Ematologia
Passamonti Neoplasie ematologiche
Passamonti Linfoma mantellare

Uso di statine e rischio di neoplasie mieloproliferative


Studi precedenti hanno indicato un possibile effetto protettivo contro il cancro da parte delle statine nei tumori solidi; tuttavia, questo non è mai stato studiato nelle neoplasie mieloproliferative ( MPN ).

È stata esaminata l'associazione tra l'uso di statine e il rischio di neoplasie mieloproliferative in uno studio caso-controllo nidificato a livello nazionale, utilizzando i registri della popolazione nazionale danese.

Le informazioni sull’uso delle statine sono state ottenute dal Registro nazionale danese delle prescrizioni e i pazienti con diagnosi di neoplasie mieloproliferative tra il 2010 e il 2018 sono stati identificati dal Registro nazionale danese della neoplasia mieloide cronica.

L'associazione tra uso di statine e neoplasie mieloproliferative è stata stimata utilizzando gli odds ratio ( OR ) aggiustati per età e sesso e gli odds ratio completamente aggiustati ( aOR ), aggiustando per fattori confondenti prespecificati.

La popolazione dello studio comprendeva 3.816 casi con neoplasie mieloproliferative e 19.080 controlli di popolazione abbinati per età e sesso utilizzando il campionamento della densità di incidenza.

Nel complesso, il 34.9% dei casi e il 33.5% dei controlli non hanno mai utilizzato statine, risultando in un odds ratio per neoplasie mieloproliferative di 1.07 e un odds ratio aggiustato di 0.87, rispettivamente.

Il 17.2% è stato classificato come utilizzatore a lungo termine ( 5 anni o più ) tra i casi rispetto al 19.0% tra i controlli, ottenendo un odds ratio per neoplasie mieloproliferative di 0.90 e un odds ratio aggiustato di 0.72.

L'analisi dell'effetto della durata cumulativa dell'uso delle statine ha rivelato una risposta dose-dipendente e l'associazione è stata coerente per sesso, età e sottogruppi di neoplasie mieloproliferative e tra i diversi tipi di statine.

Gli utilizzatori di statine erano associati a probabilità significativamente più basse di ricevere una diagnosi di neoplasia mieloproliferativa, indicando un possibile effetto preventivo del cancro da parte delle statine. ( Xagena2023 )

Tuyet Kristensen D et al, Blood Adv 2023; 7: 3450-3457

Emo2023 Onco2023 Farma2023



Indietro