Passamonti Neoplasie ematologiche
Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

Valemetostat per leucemia / linfoma a cellule T dell'adulto recidivante o refrattaria


La leucemia / linfoma a cellule T dell'adulto ( ATL ) è un linfoma non-Hodgkin aggressivo con prognosi sfavorevole e poche opzioni terapeutiche per i pazienti con malattia recidivante, ricorrente o refrattaria.

Sono state valutate l'efficacia e la sicurezza di Valemetostat ( Ezharmia ), un potente potenziatore dell'omologo zeste 2 ( EZH2 ) e dell'inibitore EZH1, nel trattamento della leucemia / linfoma a cellule T dell'adulto recidivante o refrattaria ( R/R ).

Uno studio multicentrico di fase 2 ha arruolato pazienti con leucemia / linfoma a cellule T dell'adulto aggressivo recidivante o refrattaria ( acuta, linfoma, tipo cronico sfavorevole ).

I pazienti hanno ricevuto Valemetostat 200 mg/die per via orale fino a progressione della malattia o a tossicità inaccettabile.

L'endpoint primario era il tasso di risposta globale ( ORR ) valutato a livello centrale da un comitato indipendente di valutazione dell'efficacia ( IEAC ).
Gli endpoint secondari includevano la migliore risposta nei compartimenti della malattia, la durata della risposta ( DoR ), la farmacocinetica e la sicurezza.

Sono stati arruolati 25 pazienti ( età media, 69.0 anni ) con una mediana di 3 precedenti linee di terapia; 24 erano stati trattati in precedenza con Mogamulizumab.

L'endpoint primario è stato raggiunto con un tasso di risposta globale rivisto a livello centrale del 48.0%, incluse 5 remissioni complete e 7 parziali.
I pazienti pretrattati con Mogamulizumab hanno presentato un tasso di risposta globale del 45.8% ( 4 remissioni complete e 7 parziali ).

La durata della risposta mediana valutata da IEAC non è stata raggiunta ( NR ).

Gli eventi avversi emergenti dal trattamento sono risultati gestibili.
Gli eventi avversi emergenti dal trattamento che si sono verificati nel 20% o più dei pazienti hanno incluso trombocitopenia, anemia, alopecia, disgeusia, neutropenia, linfopenia, leucopenia, diminuzione dell'appetito e piressia.
Gli eventi avversi emergenti dal trattamento di grado maggiore o uguale a 3 hanno incluso trombocitopenia, anemia, linfopenia, leucopenia e neutropenia.

Valemetostat ha dimostrato un'efficacia e una tollerabilità promettenti nei pazienti pesantemente pretrattati, giustificando ulteriori indagini nel trattamento della leucemia / linfoma a cellule T dell'adulto recidivante o refrattaria. ( Xagena2023 )

Izutsu K et al, Blood 2023; 141: 1159-1168

Emo2023 Onco2023 Farma2023



Indietro