Bringhen - Mieloma
Arcaini Ematologia
Passamonti Neoplasie ematologiche
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

Venetoclax più chemioterapia con Daunorubicina e Citarabina come trattamento di prima linea per gli adulti con leucemia mieloide acuta


Gli adulti con leucemia mieloide acuta hanno esiti clinici e tassi di remissione completa insoddisfacenti.
Venetoclax ( Venclyxto ) in combinazione con Azacitidina o Citarabina a basso dosaggio ha mostrato efficacia negli adulti di età pari o superiore a 75 anni ( o di età compresa tra 18 e 74 anni con comorbilità che precludono la chemioterapia intensiva ) con leucemia mieloide acuta.

Sono state studiate l'attività e la sicurezza della chemioterapia Venetoclax più Daunorubicina e Citarabina negli adulti con leucemia mieloide acuta.

È stato condotto uno studio di fase 2 a due stadi, a braccio singolo, in tre ospedali pubblici in Cina.
Sono stati arruolati pazienti di età compresa tra 18 e 60 anni con leucemia mieloide acuta de novo non-trattata in precedenza e con un ECOG performance status di 0-2.

I pazienti hanno ricevuto un trattamento di induzione con Daunorubicina per via endovenosa ( 60 mg/m2 nei giorni 1-3 ), Citarabina per via endovenosa ( 100 mg/m2 nei giorni 1-7 ) e Venetoclax orale ( 100 mg il giorno 4, 200 mg il giorno 5 e 400 mg nei giorni 6-11; regime DAV ).
Per la terapia di induzione, la durata del trattamento è stata di 28-35 giorni per ciclo e il numero di cicli di trattamento è stato uno o due.

L'endpoint primario era il tasso composito di remissione completa ( remissione completa più remissione completa con recupero incompleto della conta leucocitaria ) dopo un ciclo di trattamento di induzione, valutato nella popolazione trattata.
Gli endpoint secondari erano la malattia residua misurabile del midollo osseo mediante citometria a flusso, la sopravvivenza libera da eventi ( EFS ), la sopravvivenza globale ( OS ) e gli eventi avversi.

Tra dicembre 2020 e luglio 2021, 36 pazienti sono stati valutati per l'idoneità e 33 sono stati arruolati. 15 pazienti ( 45% ) erano uomini e 18 ( 55% ) erano donne e tutti erano asiatici.

Il tasso composito di remissione completa dopo un ciclo di regime DAV è stato del 91% ( 30 su 33 pazienti ) nell'intera coorte.
29 dei 30 pazienti ( 97% ) che hanno raggiunto la remissione completa avevano una malattia residua misurabile non-rilevabile ( cioè, inferiore a 0.1% ).

Eventi avversi di grado 3 o superiore hanno incluso neutropenia in 33 su 33 pazienti ( 100% ), trombocitopenia in 33 ( 100% ), anemia in 33 ( 100% ), neutropenia febbrile in 18 ( 55% ), polmonite in 7 ( 21% ) e sepsi in 4 ( 12% ).

Non si sono verificati decessi correlati al trattamento.

Con un follow-up mediano di 11 mesi, la sopravvivenza globale stimata a 1 anno è stata del 97% e la sopravvivenza libera da eventi a 1 anno è stata del 72%.

Il regime DAV rappresenta un'efficace terapia di induzione per gli adulti con nuova diagnosi di leucemia mieloide acuta, e ha determinato un alto tasso di remissione completa.
Questi risultati sono un importante contributo e mostrano una strategia sicura per incorporare Venetoclax nel regime di induzione più comune usato per trattare la leucemia mieloide acuta di nuova diagnosi a livello internazionale. ( Xagena2022 )

Wang H et al, Lancet Haematology 2022; 9: 415-424

Emo2022 Onco2022 Farma2022


Indietro