ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Venetoclax, un inibitore BCL2, in una terapia di associazione per la leucemia mieloide acuta recidivante e refrattaria e neoplasie mieloidi correlate


Venetoclax ( Venclyxto ), un inibitore BCL2 selettivo, ha attività di agente singolo nella leucemia mieloide acuta recidivante e refrattaria ( R/R ) ed efficacia in combinazioni di intensità inferiore per pazienti anziani con leucemia mieloide acuta ( AML ) naive-al-trattamento
Le combinazioni di trattamento con Venetoclax nella leucemia mieloide acuta recidivante o refrattaria non sono state riportate in precedenza.

Sono stati rivisti i pazienti con neoplasie mieloidi R/R ( comprese leucemia mieloide acuta, sindrome mielodisplastica ( MSD ) e neoplasia a cellule dendritiche plasmacitoidi blastiche ( BPDCN ) trattati con combinazioni di Venetoclax nell’ambito della terapia di salvataggio.

43 pazienti di età mediana di 68 anni sono stati trattati per leucemia mieloide acuta ( 91% ), sindrome mielodisplastica ( 5% ) o neoplasia a cellule dendritiche plasmacitoidi blastiche ( 5% ).
La maggior parte ( n=36, 84% ) era stata sottoposta a due o più trattamenti di salvataggio, incluso un precedente agente ipometilante nel 77% dei casi.
In combinazione con Venetoclax la maggior parte dei pazienti ha ricevuto una terapia con HMA ( n=31, 72% ); 8 ( 19% ) hanno ricevuto Citarabina a basso dosaggio.

I pazienti hanno ricevuto una mediana di due cicli di trattamento.

La risposta obiettiva è stata osservata in 9 pazienti ( 21% ), tra cui 2 risposte complete ( CR ), 3 risposte complete con incompleto recupero ematologico ( CRi ) e 4 stati liberi da leucemia all'analisi morfologica ( MLFS ).
La sopravvivenza mediana è stata di 3.0 mesi e la sopravvivenza stimata a 6 mesi è stata del 24%.

Le risposte sono state osservate in 5 pazienti su 21 ( 24% ) con citogenetica a rischio intermedio, 3 su 11 IDH1/2-mutanti ( 27% ) e 4 su 8 pazienti con mutazioni RUNX1 ( 50% ).
2 pazienti su 10 ( 20% ) con TP53-mutato hanno risposto; entrambi avevano mutazioni RUNX1 concomitanti.
Dei 3 pazienti responder ( 15% ) con citogenetica avversa, tutti avevano mutazioni RUNX1 simultanee.

La chemioterapia a bassa intensità, includendo agente metilante o Citarabina a basso dosaggio, in combinazione con Venetoclax è un'opzione di salvataggio praticabile, anche in pazienti recidivanti / refrattari con leucemia mieloide acuta, sindrome mielodisplastica ( MSD ) e neoplasia a cellule dendritiche plasmacitoidi blastiche.
Risposte significative sono state identificate in pazienti con citogenetica diploide / intermedia, RUNX1 e/o mutazioni IDH1/2. ( Xagena2018 )

DiNardo CD et al, Am J Hematol 2018; 93: 401-407

Emo2018 Onco2018 Farma2018


Indietro